Cairo promuove governo, bene Calenda
EDITORIA 16 Giugno Giu 2016 2232 16 giugno 2016

Rcs, vertice fiume Cairo-advisor per decidere sull'Ops

Venerdì è il termine ultimo per scegliere se e come rilanciare sulla contro-offerta di Bonomi.

  • ...

La partita su Rcs è ancora aperta. Alla vigilia del termine per rilanciare sulla contro-offerta di Andrea Bonomi e dei quattro soci storici Rizzoli, Urbano Cairo ha avuto un vertice fiume con gli advisor cominciato nel primo pomeriggio di giovedì nello studio legale Bonelli Erede.
Alla riunione ha partecipato per un'ora anche il presidente di Banca Imi, Gaetano Miccichè, che non ha voluto svelare le carte. «Non dico una parola», si è limitato a dire. Non si sono raccolte altre dichiarazioni.
ADESIONI FERME A 4.631 AZIONI. Per l'editore di La7, però, è arrivato il momento di tirare le somme dopo le adesioni, che al quarto giorno dell'Ops si fermano a 4.631 azioni per lo 0,00089% del capitale e dopo gli incontri degli ultimi giorni con gli investitori.
Tutte le opzioni sembrano essere sul tavolo. Rcs ha intanto perfezionato il contratto di rimodulazione del debito con le sei banche creditrici, dopo che già nei giorni scorsi era emersa la delibera da parte degli istituti.
LE BANCHE POTRANNO RIENTRARE DAL FINANZIAMENTO. La novità è che sia nel caso vinca l'Ops di Cairo e sia nel caso in cui vada a buon fine l'Opa di Bonomi, le banche potranno chiedere di rientrare dal finanziamento.
La soglia che fa scattare l'opzione del 'change control', il cambio di controllo della società, è fissata nel nuovo contratto al 25%, soglia che fa scattare in Rcs l'Opa automatica.
In precedenza la soglia era legata al cambio del primo socio, a prescindere dalla partecipazione.
CAIRO FISSA LA SOGLIA AL 33%. Cairo ha fissato al 33% la soglia minima alla quale può pensare di derogare la condizione di efficacia dell'Ops, attualmente ancora al 50% di Rcs più un'azione. Bonomi, Mediobanca, Diego Della Valle, Unipol e Pirelli l'hanno posta al 30% più un'azione.
Giovedì il Cda di Rcs ha cominciato ad esaminare il documento dell'emittente con la valutazione dell'offerta di acquisto di Bonomi, che partirà lunedì 20 luglio e che deve venir diffuso entro venerdì, similmente alla valutazione dell'Ops di Cairo diffusa una settimana prima.
Il board della società si aggiornerà nuovamente e dovrebbe poi dare il responso dopo la chiusura di Borsa.
IL CDA RCS VERSO BONOMI. L'Ops era stata bocciata dal Cda che ha emesso un giudizio «non positivo» sull'operazione ritenendola «non congrua» per gli azionisti.
Anche l'Opa di Bonomi a 0,70 euro per azione risulta inferiore al valore medio delle tre valutazioni prospettiche di Rcs considerate come termine di valutazione per l'Ops (0,95).
Nelle considerazioni preliminari sull'Opa, comunque, il Cda di Rcs aveva segnalato come fosse a premio rispetto ai valori di Borsa nel medio termine (non nei 12 mesi) ed è così possibile che il giudizio del Cda sull'offerta di Bonomi possa risultare meno 'duro' di quello dell'Ops.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso