Paola Perego
20 Marzo Mar 2017 1539 20 marzo 2017

Rai, lo scivolone sulle donne dell'Est costa il posto a Paola Perego

Le polemiche fanno chiudere il programma Parliamone sabato. La conduttrice, che ha un contratto da oltre 200 mila euro, torna in Mediaset? Il marito-manager Lucio Presta attacca Viale Mazzini e politici.

  • ...

Le polemiche su quel servizio dedicato alle donne dell’Est hanno travolto lei e il suo programma. Che non ha retto alla bufera: chiuso. La Rai ha deciso di cancellare Parliamone sabato, la trasmissione di Paola Perego, come anticipato da Lettera43.it. Lo ha annunciato una nota ufficiale di Viale Mazzini, dopo il putiferio sollevato dalla puntata in cui si è discusso dei motivi per i quali scegliere una fidanzata non italiana (leggi le reazioni di cinque donne da Romania, Albania, Moldavia e Russia raccolte da L43).

«LE SCUSE NON BASTANO». Il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall'Orto ha spiegato che «gli errori si fanno, e le scuse sono doverose, ma non bastano», parlando di «contenuti che contraddicono la mission di servizio pubblico». Dietro alla mossa dell'azienda c'è anche l'intenzione di rimuovere il capostruttura Raffaella Santilli e di ridimensionare l'autore Gregorio Paolini.

MARITO POTENTE MANAGER. Per Paola Perego dunque è calato il sipario. Di lei dicono che sia decisa e irruenta. Poi ci sono i maligni che aggiungono un particolare: è la compagna di Lucio Presta, potente e scontroso manager delle star della tivù che su Twitter ha annunciato la decisione della Rai con un post al veleno.

L'ingombrante marito, finito da tempo nel mirino di Campo Dall'Orto, non si limitava certo a fare il semplice consorte. Nei corridoi di Viale Mazzini si sussurrava che ogni qual volta l’agente Presta andasse a trattare con un dirigente Rai per conto di uno dei suoi clienti, nel "pacchetto" ci fosse sempre e comunque anche il contratto della moglie.

OLTRE IL TETTO PER GLI ARTISTI. E a quanto ammonta(va) lo stipendio di Paola? Con esattezza non è dato saperlo. La coppia Perego-Presta è sempre stata molto abile nel mescolare le carte in tavola, riuscendo a coprire tutte le tracce che portano al cachet della conduttrice, che comunque pare sia nettamente superiore ai 200 mila euro all’anno. Tanto che la telediva sarebbe stata fra quelle su cui si doveva abbattere la mannaia del tetto dei 240 mila euro introdotto per le legge e applicabile anche ai contratti degli artisti.

I punti a favore delle donne dell'Est secondo la Rai.

Ora il "caso ragazze dell’Est" può essere l’occasione giusta per cambiare aria, visto anche il tweet polemico di Presta che ha fatto infuriare i piani alti di Viale Mazzini. La Perego in Rai non è mai stata particolarmente amata. «Sopportata», dicono nei corridoi, «è il termine giusto. In modo da non avere problemi con il marito». Il quale, giova ricordarlo, è pur sempre il manager di Roberto Benigni, sul quale la tivù pubblica ha sempre investito molto. Difficile non ricordare le trasmissioni del comico toscano dedicate alla Costituzione, Dante e i Dieci Comandamenti.

La Perego, ovviamente, ha sempre volato più basso rispetto a “robertaccio”. Paola, professionalmente parlando, è nata come indossatrice per poi affermarsi come valida conduttrice, diventata famosa soprattutto grazie alla trasmissione quotidiana Forum, un format originale che si propone di risolvere piccole beghe giuridiche in tivù. Subentrò in trasmissione dopo la lunga stagione dominata da Rita dalla Chiesa, un personaggio decisamente molto amato dal suo pubblico, con il quale aveva instaurato un invidiabile rapporto di simpatia e di fedeltà.

Paola Perego e Lucio Presta.

Da tutto ciò, è facile capire come il compito di Paola non sia stato per nulla facile, essendosi dovuta conquistare il pubblico giorno per giorno, quel pubblico così intristito per la “perdita” dell’amata Rita. Da lì in poi è stato tutto un saltare da un programma all’altro, senza troppa fortuna, ma con una grande continuità contrattuale. Al punto che l’edizione 2016 di Domenica In, condotta con Salvo Sottile, non è certo passata alla storia per gli ascolti ottenuti, ma per i diverbi con il collega. Essere la moglie di Presta le ha sempre permesso di passare oltre, soprattutto quando la politica era il punto di riferimento del marito. Stavolta, però, tutto questo non è bastato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso