Democratica
30 Giugno Giu 2017 1457 30 giugno 2017

Il Pd renziano lancia il quotidiano Democratica

Esclusivamente in pdf. Il giornale, diretto da Andrea Romano, sarà presentato dal segretario dem al teatro Linear Ciak di Milano. Staino attacca: «Hanno fatto tutto di nascosto».

  • ...

Il Partito democratico di Matteo Renzi ha un nuovo quotidiano, esclusivamente in pdf. L’ex condirettore de l’Unità Andrea Romano, assieme a un gruppo di giornalisti de l’Unità.tv, ha annunciato la pubblicazione del primo numero del giornale, ribattezzato Democratica.

La prima pagina del primo numero di Democratica.

«Sarà un quotidiano politico, digitale e multimediale, diffuso gratuitamente», ha spiegato Romano, direttore della nuova pubblicazione. Dal palco del teatro Linear Ciak di Milano, dov'è atteso nel pomeriggio, sarà lo stesso segretario dem a illustrare l'iniziativa.

Oggi ultimo giorno di Equitalia, domani arriva la quattordicesima per chi ha la pensione al minimo: quando annunciai...

Geplaatst door Matteo Renzi op vrijdag 30 juni 2017

Si sa già però che Democratica uscirà ogni giorno alle 13.30 e potrà essere scaricato dai social, dall’app Bob, dal sito del Pd e di Unità.tv. Sarà un pdf di lunghezza variabile tra le sei e le 10 pagine, con link esterni e contenuti multimediali come video e file audio. L'annuncio ha già fatto sorgere i primi dubbi su Twitter e Facebook.

Leggo che nasce Democratica, il 'nuovo' giornale online del Pd. Il Pd un giornale online lo aveva e lo ha già:...

Geplaatst door Stefano Di Traglia op vrijdag 30 juni 2017

Il giornale si presenta così ai suoi lettori: «Una comunità politica vive ogni giorno di fatti e progetti. Da oggi il Partito Democratico, la più grande comunità politica d’Italia, ha uno strumento in più per parlare al paese con le idee e i fatti che nascono quotidianamente da centinaia di migliaia di iscritti, militanti, amministratori e rappresentanti politici. Democratica nasce per essere la voce del Pd: un quotidiano digitale e multimediale, gratuito e diffuso a metà giornata attraverso tutti i nostri canali social. Un luogo virtuale ma concreto, da costruire insieme a voi».

ROMANO: «L'UNITÀ? TESTATA PRIGIONIERA». Il vice direttore di Democratica è Mario Lavia. La redazione è composta dai giornalisti Cristiano Bucchi, Stefano Cagelli, Maddalena Carlino, Francesco Gerace, Silvia Gernini, Antonella Madeo, Stefano Minnucci, Agnese Rapicetta, Beatrice Rutiloni. Il direttore, Andrea Romano, ha spiegato che la testata l'Unità non poteva essere utilizzata: «È impossibile utilizzare quella testata perché è prigioneria di un socio privato che ha congelato la situazione. Come soci di minoranza stiamo dando tutta la nostra solidarietà ai colleghi. Ma intanto, inizia questa nuova avventura».

STAINO: «HANNO FATTO TUTTO DI NASCOSTO». Il direttore de l'Unità, Sergio Staino, non ha nascosto la sua delusione: «Non mi hanno detto nulla, hanno fatto tutto di nascosto. Mentre chiedevo incontri ai rappresentanti del Pd stavano preparando questa nuova iniziativa, proprio con colui che era il mio condirettore e che avevo allontanato perché rappresentava l'antigiornalismo in persona. Mi ha fatto difficoltà ogni volta che c'erano da pubblicare pezzi critici nei confronti di Renzi». D'altronde, ha aggiunto Staino, «è stato Renzi a chiamarmi dicendomi che voleva un giornale non sdraiato sul Pd, ma che favorisse il confronto. Ora invece fanno la velina della direzione che diventa il giornale di partito». E l'Unità? «Ufficialmente c'è ancora, io sono ancora il direttore, ma in realtà non c'è nulla. I giornalisti sono fermi in attesa di notizie e il Pd ci ha abbondato di fatto. A maggio non hanno pagato gli stipendi, a giugno nemmeno. C'era un accordo per la cassa integrazione per procedere alla ristrutturazione. Adesso non si sa più nulla, è una cosa stupefacente. Non credo, onestamente, che si possa risolvere nulla, perché da parte del Pd c'è un cambio di prospettiva».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati