Rolling Stone
18 Settembre Set 2017 1417 18 settembre 2017

Editoria, Rolling Stone finisce in vendita per la prima volta

Wenner Media pronta a cedere la quota di controllo della società: la storica rivista statunitense in cerca di un compratore.

  • ...

Rolling Stone è in vendita. Dopo aver scritto alcune pagine della storia americana durante i suoi quasi 50 anni di vita, il magazine-bibbia chiude un'era: Wenner Media è pronta a cedere la quota di controllo della società in risposta alle pressioni finanziarie.

PALLA AL NUOVO PROPRIETARIO. L'indiscrezione è stata riportata dal New York Times, secondo cui Jann e Gus Wenner, presidente e chief operating officer di Rolling Stone, si sono impegnati a restare alla guida del magazine, ma hanno ammesso allo stesso tempo che la decisione finale spetta al nuovo proprietario.

BANCHE AL LAVORO PER LA VENDITA. Wenner ha ingaggiato delle banche per esplorare la vendita: in corsa potrebbe esserci American Media, il gruppo che ha già rilevato da Wenner Media Us Weekly e Men's Journal da Wenner.

NON È BASTATO L'INGRESSO DEI CINESI. Di fatto, dunque, Jann Wenner, giornalista, fondatore, direttore ed editore della rivista simbolo della controcultura americana nell'ultimo mezzo secolo dichiara la propria resa. Dopo aver venduto, nel 2016 fa, ai cinesi di Bandlab Technologies il 49% delle azioni, la cassaforte di famiglia si accinge a cedere anche il pacchetto di maggioranza, ufficialmente «per posizionare al meglio il marchio per una crescita futura».

QUASI 50 ANNI DI STORIA. Fondata nel 1967, Rolling Stone per quasi mezzo secolo è stata un punto di riferimento della cultura americana e non solo. Ma il crollo di vendite e ricavi pubblicitari ha messo la creatura di Wenner in gravi difficoltà fino alla scelta di far entrare nel capitale la Bandlab Technologies, società di proprietà di Kuok Meng Ru, rampollo di una delle famiglie più ricche di Asia. All’inizio di quest’anno ha ceduto il controllo di altre due riviste del proprio perimetro, Men’s Journal e Us Weekley, all’American Media.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso