L43 Siria 160929211757

Guerra in Siria

Getty Images 628020310
7 Dicembre Dic 2016 0942 07 dicembre 2016

Aleppo, i governativi prendono il controllo della città vecchia

Gli uomini di Assad avanzano ancora su Aleppo est conquistando altri due sobborghi. Secondo Russia Today le truppe di Damasco avrebbero conquistato l'85% delle aree in mano ai ribelli.

  • ...

I soldati di Damasco stringono ancora di più l'assedio su Aleppo. Secondo l'agenzia ufficiale Sana le truppe di Assad hanno infatti conquistato altri due sobborghi della città. Per l'Osservatorio dei diritti umani, che ha sede a Londra, i lealisti hanno preso il controllo di tutta la città vecchia e l'emittente Russa RT stima che le forze del regime abbiano riconquistato l'85% di Aleppo est.

I RIBELLI CHIEDONO UNA TREGUA UMANITARIA. L'emittente panaraba al Jazeera intanto fa sapere che le forze armate dell'opposizione avrebbero avanzato una richiesta di tregua di cinque giorni ad Aleppo. L'eventuale stop all'offensiva, affermano le fonti vicine ai ribelli, servirebbe per consentire l'evacuazione dei civili bisognosi di cure mediche e di aiuto. Per l'Onu nei quartieri orientali sotto assedio e presi nella morsa dell'offensiva lealista rimangono ancora più di 200mila civili.

OLTRE 50 VITTIME NELLE ULTIME 24 ORE. Sale anche il bilancio delle vittime. Secondo fonti mediche della protezione civile dei quartieri sud-orientali di Aleppo i raid aerei governativi e russi su Aleppo est hanno provocato la morte di 53 civili nelle ultime 24 ore. La Casa bianca ha condannato duramente il regime siriano e l'alleato russo per la gestione della situazione umanitaria in città. Washington ha accusato i lealisti di ostacolare l'arrivo di aiuti umanitari, di colpire strutture civili e sanitarie e fare uso di barili bomba e armi chimiche.

MORTO UN COLONNELLO RUSSO AD ALEPPO. Vittime anche sul fronte opposto. Ruslan Galitskiy, colonnello delle forze armate russe, è morto in seguito alle ferite riportate «in un attacco di artiglieria dei miliziani dell'opposizione contro uno dei quartieri di Aleppo ovest». A renderlo noto il ministero della Difesa di Mosca.

LA SIRIA ACCUSA: ISRAELE CI HA BOMBARDATO. Trecento chilometri a sud intanto divampa la polemica tra Damasco e Tel Aviv. Media arabi, citati da quotidiani israeliani, hanno riportato la notizia che Israele ha colpito l'aeroporto militare di Mezzeh che si trova vicino al palazzo presidenziale di Bashar Assad. Le autorità siriane hanno sostenuto che si tratterebbe della seconda sortita di Tel Aviv nel giro di una settimana. L'attacco, riporta l'agenzia di stato Sana, sarebbe stato realizzato con missili terra-terra presumibilmente lanciati dalle Alture del Golan lontane solo una sessantina di chilometri dalla capitale siriana.

Correlati

Potresti esserti perso