Scuse
9 Gennaio Gen 2017 1721 09 gennaio 2017

Thailandia, strappano la bandiera: arrestati due italiani

Due ragazzi altoatesini in vacanza nel Paese strappano la bandiera nazionale. Il video diventa virale e finiscono in manette. Adesso rischiano fino a due anni di carcere.

  • ...

Una ragazzata dopo aver bevuto troppo potrebbe costare caro a due giovani italiani in vacanza in Thailandia, che rischiano fino a due anni di carcere per aver strappato e gettato a terra cinque bandiere dello Stato del sud-est asiatico. L'episodio risale al 7 gennaio e approderà davanti a un tribunale militare martedì 10, ma ha già avuto un'enorme eco mediatica a causa del video che riprende i due ragazzi, diventato virale sui social network.

ORIGINARI DELLA PROVINCIA DI BOLZANO. Tobias Gamper e Ian Gerstgrasser, rispettivamente di 20 e 18 anni, altoatesini di Naturno in provincia di Bolzano, sono stati ripresi dalle telecamere di sorveglianza della loro guesthouse di Krabi, nel Sud della Thailandia. Il video mostra uno dei due ragazzi tirare giù uno dei vessilli da un filo all'esterno di un negozio. Subito dopo il compagno completa l'opera, buttando a terra altre quattro bandiere, mentre il compagno ridacchia. Entrambi poi si allontanano danneggiando anche una fioriera.

LA FARNESINA SEGUE IL CASO. L'ambasciata italiana a Bangkok sta seguendo il caso con la massima attenzione, in costante contatto con le famiglie. A favore dei due ragazzi potrebbe giocare il fatto che si sono già scusati in un secondo video, diffuso da un poliziotto di Krabi sul suo profilo Facebook. In inglese, spiegano che quel giorno erano «veramente, veramente ubriachi» e che ignoravano la legge

POSSIBILE UN PERDONO PER MOTIVI D'IMMAGINE. Il reato compiuto potrebbe essere perdonato dalla giunta militare del generale Prayuth Chan-ocha, al governo da quasi tre anni, soprattutto per questioni di immagine. L'economia thailandese, infatti, fa grande affidamento sul turismo, con quasi 32 milioni di visitatori nel corso del 2016

L'AMOR DI PATRIA INCULCATO DALLA PROPAGANDA. D'altra parte, però, la bravata dei due altoatesini non poteva avvenire in un contesto peggiore. L'amore per la patria è inculcato costantemente dal sistema educativo thailandese, dalla propaganda governativa e dai media. Il tricolore orizzontale rappresenta la nazione (rosso), il buddismo (bianco) e la monarchia (blu). Tutti concetti sui quali in Thailandia non si scherza per niente, ancor meno sotto un governo militare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso