Taxi: Uber, si apra il mercato
20 Marzo Mar 2017 1938 20 marzo 2017

Uber, il presidente Jones lascia dopo soli sei mesi

La serie di scandali che ha travolto l'azienda spinge il numero uno all'addio: «I miei valori sono incompatibili con la compagnia». E potrebbe non essere l'unico abbandono.

  • ...

Dopo appena sei mesi il presidente di Uber, Jeff Jones, lascia la compagnia californiana, travolta recentemente da una serie di scandali. «È ormai chiaro che i valori e l'idea di leadership che hanno caratterizzato la mia carriera non sono compatibili con ciò che ho visto e sperimentato in Uber. Non posso continuare a vestire i panni di presidente del business ride sharing», ha spiegato Jones, che era stato nominato presidente lo scorso settembre dopo un passato da responsabile marketing presso la catena di grandi magazzini Usa Target.

UN INIZIO D'ANNO TURBOLENTO. Tra i compiti del nuovo presidente Jones quello di migliorare l'immagine di Uber, ma dall'inizio dell'anno l'azienda ha fatto notizia per una serie di controversie che ne hanno invece danneggiato la reputazione. A gennaio oltre 200 mila clienti hanno cancellato l'app Uber in un weekend nell'ambito della campagna #DeleteUber, la società è stata poi denunciata di molestie sessuali da parte di una ex dipendente, quindi accusata di aver usato un software per aggirare i controlli delle autorità e infine denunciata da Google per furto di proprietà intellettuale per le auto a guida autonoma.

L'ULTIMO DI UNA SERIE DI ADDII. Ma dietro la scelta di Jones di dimettersi, secondo quanto trapela, c'è anche la decisione dell'amministratore delegato di Uber, Travis Kalanick, di voler assumere un nuovo chief operating officer e di non essere stato preso in considerazione. Jones non è il primo top manager ad aver lasciato Uber negli ultimi tempi. A inizio mese hanno rassegnato le dimissioni, tra gli altri, Ed Baker, vice presidente responsabile di prodotto e crescita, e Charlie Miller, uno dei principali ricercatori di sicurezza. E secondo le ultimi voci, lo stesso Kalanick potrebbe lasciare la sua carica di ad una volta che il nuovo chief operating officer si sarà insediato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso