Trump: Wp, Flynn mentì all'Fbi
11 Maggio Mag 2017 0820 11 maggio 2017

Russiagate, mandato di comparizione per Flynn

La commissione intelligence del Senato americano ordina all'ex consigliere per la sicurezza nazionale di Donald Trump di consegnare i documenti sui suoi contatti con i funzionari russi. Anche Spicer rischia il licenziamento.

  • ...

La saga americana del Russiagate si arricchisce di un nuovo, scottante capitolo. La commissione intelligence del Senato ha deciso infatti di spiccare un mandato di comparizione per Michael Flynn, ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Donald Trump, costretto a dimettersi per aver mentito alla Casa Bianca e all'Fbi sui suoi ripetuti contatti non autorizzati con funzionari russi.

MANCATA COLLABORAZIONE VOLONTARIA. A giudizio della commissione Flynn non ha collaborato a sufficienza con l'inchiesta, rifiutandosi di consegnare i documenti richiesti lo scorso 28 aprile. I senatori, ricorrendo alla rara mossa del mandato di comparizione, hanno quindi deciso di obbligarlo a fornire tali documenti, utili ad accertare la natura dei suoi rapporti con gli emissari di Mosca.

L'INCONTRO NEGATO. Flynn, generale dell'esercito in pensione, ha mentito negando l'abboccamento con il diplomatico russo Sergei Kislyak, da lui incontrato prima della cerimonia di insediamento di Donald Trump per discutere delle sanzioni statunitensi contro Mosca. I suoi contatti con funzionari russi sono sotto la lente dell'Fbi e delle commissioni intelligence del Congresso, nell'ambito di una più ampia indagine sulla presunta infulenza esercitata da Mosca per favorire l'elezione di Trump alla Casa Bianca.

SPICER RISCHIA IL POSTO. E dopo il terremoto causato dal licenziamento del direttore dell'Fbi James Comey, la prossima testa a cadere potrebbe essere quella del portavoce della Casa Bianca Sean Spicer. Secondo la Cnn, infatti, Trump sarebbe insoddisfatto di come Spicer lo sta difendendo di fronte alla stampa e starebbe valutando di sostituirlo con la sua vice, Sarah Huckabee Sanders.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati