May (2)

Elezioni nel Regno Unito

elezioni uk scozia
9 Giugno Giu 2017 0509 09 giugno 2017

Elezioni nel Regno Unito, il crollo degli indipendentisti scozzesi

Dopo l'exploit del 2015 il Snp non riesce a ripetersi cedendo diversi seggi alle altre forze politiche. Amara Nicola Sturgeon: «dovremo riflettere». Così si allontana la possibilità di un nuovo referendum.

  • ...

Poteva essere un voto per rilanciare il referendum ma invece le elezioni hanno sancito la fine della luna di miele tra gli scozzesi e l'Snp. La formazione indipendentista guidata da Nicola Sturgeon non è riuscita a ripetere il quasi 'cappotto' realizzato nel 2015, quando espugnarono 56 dei 59 collegi del territorio del nord.

SCONFITTO L'EX LEADER SALMOND. Nella tornata elettorale dell'8 giugno sono stati costretti ad accontentarsi di 32 seggi avendone persi diversi a vantaggio di Conservatori, Laburisti e Liberaldemocratici. Emblematica in questo senso è stata la sconfitta dell'ex leader Alex Salmond. L'artefice e protagonista del referendum per la secessione della Scozia dalla Gran Bretagna perso di misura nel 2014 ha perso il suo seggio in favore di un conservatore.

DIFFICILE UN NUOVO REFERENDUM. Commentando l'arretramento complessivo dell'Snp e l'avanzata del suo partito nella regione del nord, la leader Tory in Scozia, Ruth Davidson, ha detto da parte sua che l'idea di un secondo referendum per l'indipendenza «é morta». In termini percentuali, il partito di Nicola Sturgeon resta primo, ma perde 14 punti, mentre il Labour ne guadagna 3 collocandosi al secondo posto e i Tory addirittura 10, inserendosi subito dietro al terzo.

STURGEON: «MAY VERA SCONFITTA». Sturgeon ha ammesso che sulla base di questi risultati occorrerà fare «una riflessione» sulla richiesta di un secondo referendum per l'indipendenza in tempi brevi, referendum che lo stesso Snp aveva invocato prima del voto come risposta alla Brexit. La Scozia infatti aveva votato in massa per il "Remain" nel referendum del 23 giugno 2016. Nel suo intervento la first minister di Edimburgo ha insistito però che la vera sconfitta di queste elezioni a livello nazionale «è stata Theresa May».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso