Polizia Germania
13 Giugno Giu 2017 0937 13 giugno 2017

Germania, sparatoria vicino a stazione metro di Monaco

Una poliziotta colpita alla testa: è in gravi condizioni. Arrestato un uomo di 37 anni, che ha sotratto la pistola a un agente. Esclusa la matrice terroristica.

  • ...

C'è una lite scoppiata all'interno del metrò che collega l'aeroporto di Monaco al centro della città alla base dell'aggressione contro una pattuglia della polizia compiuta il 13 giugno da un 37enne tedesco, che ha sottratto l'arma a un agente e poi ha aperto il fuoco, ferendo gravemente una poliziotta e due passanti.

LA RISSA SUL METRÒ. Secondo quanto spiegato in conferenza stampa dal capo della polizia di Monaco, Hubertus Andrae, il 37enne è rimasto coinvolto in una rissa con un altro uomo in un vagone del treno. I passeggeri hanno avvertito la polizia. Due pattuglie sono accorse alla stazione di Unterfoehring, vicino Monaco, e hanno sottoposto l'uomo a un controllo.

L'AGGRESSIONE IMPROVVISA. All'improvviso il 37enne ha aggredito uno degli agenti, che è caduto a terra. A quel punto l'uomo si è impossessato dell'arma di servizio e ha esploso l'intero caricatore. Infine ha abbandonato la pistola e si è dato alla fuga. È stato fermato poco dopo. Non è stato ancora interrogato, perché sottoposto a un'operazione per una ferita riportata al fondoschiena. Finora il 37enne, che è nato in Baviera ma non ha un domicilio registrato in Germania, era noto alle forze dell'ordine solo per possesso di stupefacenti: nel 2014 era stato fermato con una piccola quantità di cannabis, ma il procedimento contro di lui era stato archiviato.

AGENTE FERITA IN PERICOLO DI VITA. L'agente ferita, che ha 26 anni e il grado di commissario, si trova ancora in pericolo di vita. È stata raggiunta da un colpo di pistola alla testa. I due passanti feriti sono due uomini di origine tedesca e rumena. Le loro condizioni non sono gravi. La polizia, che ha escluso una matrice terroristica, è riuscita a riportare rapidamente sotto controllo la situazione. Più di 200 testimoni dovranno essere ascoltati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso