Siria: lealisti avanzano su confine Iraq
3 Novembre Nov 2017 0901 03 novembre 2017

Siria, l'esercito del regime riconquista Deir al-Zour

La città, nelle mani dell'Isis dal 2014, era l'ultima grande roccaforte dello Stato islamico nel Paese.

  • ...

L'esercito siriano ha riconquistato Deir al-Zour, ultima grande roccaforte dello Stato islamico in Siria. La notizia è stata diffusa dalla tivù di Stato del regime guidato da Bashar al-Assad. L'Isis controllava Deir al-Zour dal 2014 e la città era considerata d'importanza strategica per la sua vicinanza al confine con l'Iraq. Ora i militanti islamisti sono confinati in poche sacche di resistenza nella provincia.

CITTÀ SUL FIUME EUFRATE. Deir al-Zour si trova sul fiume Eufrate, a metà strada tra la città di Raqqa e il confine iracheno. L'Isis considerava la zona, da entrambi i lati della frontiera, la sua «Provincia dell'Eufrate» e ne utilizzava il territorio per trasferire combattenti, armi e beni tra l'Iraq e la Siria.

UN SIMBOLO DELL'ISIS. Ma la «Provincia dell'Eufrate» era anche un simbolo. Rappresentava infatti l'intenzione dei jihadisti di smantellare tutte le frontiere della regione, stracciando l'accordo Sykes-Picot del 1916, considerato iniquo da molti nel mondo arabo.

LE TAPPE DELLA RICONQUISTA. La riconquista di Deir al-Zour arriva dopo che a settembre l'esercito siriano ha rotto l'assedio parziale della città da parte dei militanti dello Stato islamico, che dal 2015 bloccava circa 93 mila civili in un'enclave sulla sponda occidentale dell'Eufrate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso