Giro Gerusalemme
POLEMICA
30 Novembre Nov 2017 1305 30 novembre 2017

Il Giro d'Italia cede a Israele: sparisce la dicitura "Gerusalemme Ovest"

Dopo la minaccia da parte dello Stato ebraico di bloccare i fondi e annullare le tappe in caso di mancato riconoscimento dell'unità della capitale, gli organizzatori hanno cambiato le pubblicazioni ufficiali con "Gerusalemme".

  • ...

«In seguito alla nostra richiesta alla direzione del Giro d'Italia, ci felicitiamo della sua rapida decisione di rimuovere la definizione di "Gerusalemme Ovest" dalle sue pubblicazioni ufficiali»: lo afferma un comunicato ufficiale dei ministri Miri Regev (sport e cultura) e Yariv Levin (turismo). «Ci rallegriamo», aggiungono i ministri Regev e Levin, «dell'accordo raggiunto dal direttore generale del ministero della cultura e dello sport Yossi Sharabi con la direzione del Giro. In base ad esso la direzione del Giro e i suoi organizzatori verranno in Israele nei prossimi giorni per coordinare il tracciato e garantire che la gara si svolgerà come progettato dalla Torre di Davide e la Porta di Jaffa, e quindi da là attraverso Gerusalemme». Nel sito ufficiale del Giro, nella descrizione della prima tappa, la dicitura "Gerusalemme Ovest" è stata sostituita con "Gerusalemme". Nei video pubblicati prima della polemica, come si vede, la capitale è rimasta con la dicitura "Ovest".

In questo video la prima tappa è rimasta con la scritta "Gerusalemme Ovest".

«La dicitura Gerusalemme Ovest è stata subito rimossa da ogni materiale legato al Giro d'Italia 2018: tale dicitura era priva di alcuna valenza politica», ha annunciato Rcs, «teniamo a precisare che la partenza avverrà dalla città di Gerusalemme. Nel presentare il percorso di gara è stato utilizzato materiale tecnico contenente la dicitura "Gerusalemme Ovest", imputabile al fatto che la corsa si svilupperà logisticamente in quell'area della città. Si sottolinea che tale dicitura, priva di alcuna valenza politica, è stata comunque subito rimossa da ogni materiale legato al Giro d'Italia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso