Attacchi hacker per 50% organizzazioni
11 Gennaio Gen 2018 1120 11 gennaio 2018

Doping, hacker russi: «Membri della Wada legati all'Fbi»

Il gruppo Fancy Bear ha rilasciato una serie di mail hackerate che mostrerebbero i legami tra la polizia federale americana e l'agenzia antidoping, che ha squalificato la Russia dai giochi olimpici invernali.

 

  • ...

Il gruppo di hacker Fancy Bear, sospettato di essere legato ai servizi di intelligence russi, ha pubblicato sul suo sito una serie di mail scritte da alti dirigenti del Comitato Olimpico Internazionale, dell'agenzia mondiale antidoping (Wada) e del Comitato Olimpico Usa. Secondo gli hacker, alcuni membri della commissione d'inchiesta Wada sullo scandalo del doping russo presieduta da Richard McLaren hanno «chiari legami con l'FBI» americana e lo stesso McLaren non era alto che «un nome di copertura» per le attività dei servizi segreti Usa.

WADA: «ORAGNIZZAZIONE CHE MINA NOSTRA ATTIVITA'». La Wada, dal canto suo, ha respinto ogni accusa. «Come sapete», si legge su RBK «Fancy Bear è un'organizzazione criminale che cerca di minare la nostra attività. Ciò che hanno pubblicato è datato». Il Comitato Olimpico si è invece rifiutato di commentare.

ASSE ANGLOSASSONE CONTRO GLI EUROPEI. Secondo Fancy Bear nei "leak" pubblicati ci sarebbe anche la prova che gli «anglo-sassoni» avrebbero dichiarato guerra «agli europei» per ottenere il controllo del «mondo dello sport» e «del movimento olimpico» e, contemporaneamente, avere «accesso ai fondi multimilionari e alle tangenti, che sono parte integrante di questo mondo».

LOTTA AL DOPING SOLO UN PRETESTO. «La Wada, con sede a Montreal, in Canada, sostenuta dal Comitato Olimpico degli Stati Uniti, ha dichiarato una crociata contro il CIO con il pretesto di difendere lo sport pulito», si legge ancora sul sito dei Fancy Bear. «Tuttavia le vere intenzioni della coalizione guidata dagli anglosassoni sono molto meno nobili della lotta al doping: è evidente che gli americani e i canadesi sono desiderosi di rimuovere gli europei dalla leadership nel movimento olimpico e di raggiungere il dominio politico delle nazioni di lingua inglese».

LA WADA VORREBBE DOMINARE SULLE ALTRE COMPONENTI. «Inoltre», continua il comunicato degli hacker, «stanno cercando di privare i vecchi funzionari corrotti di Losanna dall'accesso a fondi multimilionari e tangenti che formano parte integrante del mondo dello sport». A sostegno di questa tesi i Fancy Bear citano la mail dell'amministratore delegato del Comitato Olimpico Usa, Scott Blackmun, al direttore generale del Cio Christophe De Kepper. «Il funzionario americano, a nome dell'organizzazione, chiede il ritiro della Wada dalla giurisdizione del Cio così che l'agenzia possa essere autorizzata a testare e punire gli atleti colpevoli: in altre parole, la Wada intende diventare un super-predatore nel mondo dello sport e avere la sola autorità di decidere chi ha ragione o chi ha torto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso