Caccia Usa
8 Febbraio Feb 2018 0821 08 febbraio 2018

Siria, gli Stati Uniti bombardano le truppe di Assad

Non era mai accaduto prima. Il Pentagono ha spiegato che i raid sono stati decisi in risposta a un attacco contro le basi delle Sdf. Secondo fonti locali i morti tra i lealisti sono più di 100. Mosca: «Gli Usa lì per il petrolio».

  • ...

L'aviazione degli Stati Uniti ha bombardato per la prima volta le truppe del regime siriano di Bashar al-Assad (guarda la mappa dei fronti del conflitto). Il Pentagono ha spiegato che i raid sono stati decisi in risposta a un attacco contro le basi delle Forze democratiche siriane, guidate dal Pkk siriano e sostenute dagli americani.

MEDIA ARABI: «OLTRE 100 MORTI». Un'offensiva che ha messo a rischio anche i soldati occidentali schierati al fianco dei ribelli. Gli scontri sarebbero avvenuti a 8 chilometri della linea di tregua del fiume Eufrate, vedendo contrapposte sul campo unità Usa, miliziani curdo-siriani e brigate di Damasco. Secondo i media arabi, che citano fonti locali, più di 100 tra soldati e miliziani filo-governativi sono stati uccisi nei raid.

IL POZZO PETROLIFERO CONTESO. In base a una prima ricostruzione le forze lealiste, sostenute da Russia e Iran, avrebbero superato l'Eufrate verso Est e si dirigevano al pozzo petrolifero di Khusham, vicino alla città di Deir el-Zor, controllato dalle Forze democratiche siriane. «L'incidente dimostra ancora una volta che la presenza militare illegale degli Stati Uniti in Siria è in realtà finalizzata a prendere il controllo delle risorse economiche del Paese e non a combattere contro l'Isis», ha commentato il Ministero della Difesa russo. I media governativi siriani, per il momento, non confermano e non smentiscono la notizia, che non può essere verificata in maniera indipendente. Fino a pochi mesi fa quella stessa zona era nelle mani dell'Isis.

INCERTEZZA SUL COORDINAMENTO MILITARE. Non è chiaro nemmeno se i comandi militari russi e americani, che solitamente si coordinano fra DI loro per le operazioni in Siria, fossero in contatto prima e durante gli scontri e i raid aerei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso