Cinema
6 Aprile Apr 2018 1121 06 aprile 2018

Arabia Saudita, i cinema riaprono con Black Panther

Il film di supereroi è stato scelto per il ritorno delle pellicole a Riad dopo più di 30 anni. Continua così il piano di riforme Vision 2030 del principe ereditario bin Salman. 

  • ...

Un supereroe nero, con una tuta indistruttibile e un casco di capelli afro. Saranno queste le prime immagini a essere mostrate su un grande schermo in Arabia Saudita dove i cinema sono chiusi da oltre 30 anni. Il 18 aprile in una sala da 500 posti nella capitale Riad verrà proiettato Black Panther, l'ultimo film prodotto dalla Disney tratto dall'universo Marvel.

UNA NUOVA ARABIA. In Arabia Saudita i cinema vennero chiusi all'inizio degli Anni 80, una misura voluta dalle frange più estremiste volta a vietare ogni forma di divertimento. Ora il principe ereditario Mohammed bin Salman ha deciso di riaprire le sale: si tratta di una delle tappe di Vision 2030, il piano decennale di riforme che punta a trasformare l'Arabia Saudita in uno Stato più moderno.

EROI DEL BOTTEGHINO. Al momento Black Panther è il film che detiene il record di incassi nel 2018: 1,2 miliardi di dollari guadagnati in tutto il mondo. Un risultato non scontato per quello che nel 1966 è stato il primo eroe nero della Marvel. La regia del film è curata da Ryan Coogler e il personaggio principale, tradotto fedelmente in italiano con Pantera Nera, è interpretato da Chadwick Boseman. Con questo stesso ruolo, Boseman tornerà sul grande schermo il 25 aprile con Avengers: Infinity War, un colossal dell'era contemporanea in cui compariranno molti dei supereroi apparsi nei film tratti dall'universo Marvel.

RYAD COME WAKANDA. Nel mondo dei fumetti Pantera Nera non è solo un supereroe, è anche il sovrano del Wakanda, uno Stato africano dove la tecnologia prolifera grazie all'unico giacimento al mondo di un metallo eccezionale: il vibranio. Questo materiale, arrivato in Africa grazie a un meteorite, è indistruttibile ed è in grado di assorbire energia attraverso le onde sonore. I wakandiani sono stati in grado di utilizzarlo per creare una città all'avanguardia, molto più sviluppata di qualsiasi metropoli occidentale. Sarà questo l'obiettivo finale del principe Mohammed bin Salman?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso