Nigel Farage 140613133854
REAZIONI 2 Luglio Lug 2014 1710 02 luglio 2014

Farage: «Renzi? Voto 7 ma poca sostanza»

Pittella: «Juncker in dubbio». Cameron: «Lavoriamo con l'Italia».

  • ...

Il leader dell'Ukip Nigel Farage.

A Nigel Farage è piaciuto in parte il discorso di Matteo Renzi a Strasburgo, ma ciò non basta a renderli più vicini: «Gli do voto 7, ha molta passione ma non credo che collaboreremo, non c'è stata sostanza nel suo discorso», ha detto il leader euroscettico a SkyTg24. «Solo parole quelle di Renzi», ha aggiunto Farage in riferimento alla necessità che il Regno Unito resti in Ue espressa dal premier italiano.
LONDRA FUORI DALL'UE? «Tutti i grandi leader, tutti i Paesi Ue sono spaventati da un'uscita dell'Inghilterra. Hanno parlato con Cameron all'ultimo summit, la maggior parte di noi non vuole pagare 50 milioni di sterline per un'istituzione che parla di inni».
CAMERON TENDE LA MANO. Proprio David Cameron si è detto pronto a lavorare con Renzi «per portare a termine le riforme in Europa mentre l'Italia inizia i sei mesi di presidenza dell'Ue».
BARROSO SOSTIENE RENZI. Il presidente della Commissione Ue, José Manuel Barroso, ha invece commentato: «Abbiamo bisogno di un'Italia forte al centro della Ue».
PPE CONTRO LA FLESSIBILITÀ. Ma il nuovo capogruppo Ppe, il tedesco Manfred Weber (Cdu), si è schierato contro la flessibilità chiesta da Renzi. «I debiti non creano futuro, lo distruggono», ha detto, aggiungendo che «dobbiamo continuare» sulla linea del rigore.
REPLICA DI PITTELLA. Pronta la replica del capogruppo dei socialisti Gianni Pittella, che ha avvertito: «Se cade il punto della flessibilità non c'è il compromesso e cade l'accordo su Juncker» come presidente della Commissione europea.

Correlati

Potresti esserti perso