Guerini Lorenzo 140707185652
INCONTRO POLITICO 7 Luglio Lug 2014 1855 07 luglio 2014

Guerini (Pd): «M5s in confusione, giusto non fidarci»

Il vice segretario dem: «La loro poca chiarezza rischia di isolarli».

  • ...

Lorenzo Guerini, vice segretario del Partito democratico.

È saltato il vertice, sono volati gli stracci. Poi una parziale retromarcia di Beppe Grillo («Le porte del dialogo restano aperte»). Nel mezzo, tanta confusione.
Sul mancato faccia a faccia politico per discutere di riforme tra Partito democratico e Movimento 5 ha provato a fare un po' di chiarezza il vice segretario dem Lorenzo Guerini: «Giusto non fidarci, il M5s è in stato confusionale», ha spiegato.
IN CINQUE ORE TRE POSIZIONI. «Alle 12 conferenza stampa, alle 15 la scomunica di una voce dal blog. Meno di due ore dopo, l'ennesima precisazione. Grande è la confusione sotto il cielo dei cinque stelle».
«SERVONO RISPOSTE PRECISE». Il commento è stato affidato a una nota: «Forse avevamo ragione a chiedere risposte precise, puntuali e scritte ai 10 punti proposti dal Pd; e a ritenere che servisse chiarezza prima di un altro incontro, che poteva essere sfizioso per gli amanti della politica politicante, ma inconcludente per le riforme che servono ai cittadini e all'Italia».
«MI DISPIACE PER LORO». Anche perché «dal 2 gennaio chiediamo una risposta dagli esponenti del M5s. Speravamo che fosse arrivata. Invece la loro mancanza di chiarezza rischia di isolarli e di renderli irrilevanti sulle importanti riforme attese da oltre 30 anni dagli italiani. Mi dispiace sinceramente per loro. Spero ancora che abbiano a cuore il destino dell'Italia e vogliano contribuire a renderla più moderna ed efficiente. Sarebbe facile ritornare su alcuni termini usati oggi, come 'affidabilità', ma qui è in gioco qualcosa di più grande e di più importante. A ciascuno la sua responsabilità».

Correlati

Potresti esserti perso