Giorgio Napolitano Dimissioni 130926161410
MONITO 7 Luglio Lug 2014 2340 07 luglio 2014

Riforme, Napolitano: «Stop a ulteriori rinvii»

Il capo dello Stato: «Bicameralismo paritario da superare».

  • ...

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Mentre la politica litigava, è arrivato l'immancabile monito del Colle. Che ha parlato di riforma volta a superare il bicameralismo paritario che «si è fatta sempre più urgente per le sue ricadute negative sul processo di formazione e approvazione delle leggi». Lo ha affermato il capo dello Stato Giorgio Napolitano in una nota.
«Senza entrare nel merito di opzioni ancora aperte, è parte della mia responsabilità auspicare una conclusione costruttiva, evitando ulteriori spostamenti in avanti dei tempi di un confronto che non può scivolare, come troppe volte accaduto, nell'inconcludenza» su riforme «più che mai mature e vitali», ha aggiunto Napolitano.
SPRINT DI RENZI CONTRO I DISSIDENTI. Fare presto, insomma. Sui numeri Renzi si sente abbastanza solido: la fronda dei dissidenti non cresce. Ma si registra il moltiplicarsi ogni giorno dei tentativi di rinviare, di prender tempo con il rischio di impantanare tutto.
Sui contenuti della riforma non ha spostato di un millimetro la linea tracciata, il premier: no al Senato elettivo.
RESISTENZA PASSIVA DELLE BUROCRAZIE. Per adesso chi chiede modifiche all'Italicum non si è iscritto al 'partito' dei dissidenti e ha assicurato lealtà sulla riforma del Senato e volontà di non allungare i tempi. Ma la preoccupazione è che aprire il dossier subito porti proprio a questo. Se infatti sui numeri dell'Aula palazzo Chigi si sente solido, non nasconde i timori legati alla resistenza passiva delle burocrazie e al tentativo di rimandare le riforme.
Sullo sfondo, la discussione col M5s sulla legge elettorale. Ma la linea dettata da Renzi appare chiara: prima approviamo la riforma del Senato.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso