Immunità 140701161920
POLITICA 10 Luglio Lug 2014 1251 10 luglio 2014

Riforme, è scontro: slitta l'esame al Senato

Impasse sulle liste. Rinvio al 14 luglio.

  • ...

Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, Roberto Calderoli e Anna Finocchiaro in commissione Affari Costituzionali del Senato.

Tutto da rifare. Slitta l'esame del Dl Boschi sulle riforme, che era atteso in Aula il 10 luglio ma è stato rinviato a lunedì 14.
«Così non va, non c'è accordo. A questo punto andiamo in Aula lunedì e lì scioglieremo i nodi», ha detto il correlatore alla riforma, Roberto Calderoli, a margine dei lavori della Commissione Affari costituzionali del Senato.
Il nodo è il meccanismo di designazione dei senatori. Parlando con i cronisti, Calderoli ha spiegato che sia lui sia diversi esponenti della maggioranza contestano la formulazione dell'emendamento sull'elezione dei senatori da parte dei consigli regionali. L'emendamento era stato scritto dopo un incontro tra il governo e il capogruppo di Forza Italia, Paolo Romani.
OSTRUZIONISMO DI M5S E SEL. Lega e Nuovo centrodestra hanno manifestato perplessità sul fatto che la legge elettorale per Palazzo Madama venga inserita direttamente in Costituzione, ipotesi che invece piace a Forza Italia.
Inoltre solo una decina dei circa 160 emendamenti rimanenti sono stati votati in mattinata, anche per effetto dell'ostruzionismo portato avanti da Movimento 5 stelle e Sel sull'elettività del Senato.
PROBLEMI RIMANDATI ALL'AULA. «Una serie di problemi dovranno essere rimandati necessariamente all'Aula», ha spiegato Calderoli, che in precedenza aveva ritirato la firma sugli emendamenti riguardanti le modalità di elezione dei senatori da parte dei Consigli regionali e le competenze regionali sugli enti di area vasta.

Correlati

Potresti esserti perso