Federica Mogherini 140526162656
CANDIDATURA ITALIANA 16 Luglio Lug 2014 1115 16 luglio 2014

Il Wall street journal boccia Mogherini Lady Pesc: «Non ha leadership»

«Ha frequentato le scuole giuste, nel curriculum manca il carisma».

  • ...

Federica Mogherini, ministro degli Esteri.

Federica Mogherini? Bocciata. Il quotidiano americano Wall Street Journal (Wsj) ha stroncato il 16 luglio la candidatura italiana al ruolo di Alto rappresentante della politica estera della Ue (Pesc).
«NON È BENVENUTA». La prospettiva di una politica estera europea guidata dal nostro ministro degli Esteri, ha scritto l'editorialista Sohrab Ahmari in un articolo pubblicato nella pagina dei commenti, non è una delle molte cose «benvenute» del premierato di Matteo Renzi. Non tutti la pensano alla stessa maniera: secondo Martin Schulz «Mogherini ha ancora molte chance».
«L'APERTURA MENTALE NON BASTA». Sul suo blog, ha osservato invece Ahmari, la Mogherini parla del suo amore per i viaggi, il che denota una «apertura» mentale, «qualità meritevole in un diplomatico. Solo che oggi la politica estera europea oltre all'apertura richiede una ferma leadership».
Su questo fronte, quella del ministro degli Esteri Mogherini «sembra essere una scelta problematica».
«DA RADICAL-CHIC A CONVENZIONALE». E poi c'è il suo passaggio nel 2008 da un «look radical-chic», con tanto di sciarpa rossa attorno al collo, che la ritrae in una foto insieme a Yasser Arafat, all'aspetto «convenzionale» mentre indossa una maglietta di Barack Obama con la scritta 'Change' (cambiamento).
Mogherini «ha frequentato le scuole giuste, ha seguito i corsi di laurea giusti, ha fatto gli stage giusti, è stata membro dei giusti gruppi socialisti giovanili», si legge inoltre, «tuttavia non c'è niente nel suo curriculum che si possa indicare come crogiolo di leadership».
NOME BOCCIATO ANCHE DALLA LITUANIA. L'editorialista del Wall Street Journal ha ricordato poi la bocciatura della Mogherini da parte della Lituania, secondo cui il successore della Ashton non deve mostrare una «posizione limitata o molto controversa, specialmente sull'Ucraina».
E non aiuta il fatto che la Mogherini sia andata in Russia «subito dopo» l'inizio della presidenza di turno italiana dell'Unione europea.
LA CONTROVERSA POSIZIONE SU SOUTH STREAM. L'articolo ha ripreso infine la posizione espressa dalla Mogherini a Mosca sul progetto South Stream, il gasdotto russo che non prevede il passaggio attraverso l'Ucraina, privando così il Paese di una fonte di guadagno: il progetto «è molto importante per la sicurezza energetica del nostro Paese, così come quella dell'intera area europea».
Gli ucraini, ha commentato Ahmari, vedono la posizione italiana come un «tradimento dell'offerta europea di una maggiore integrazione economica».
E poi: secondo gli ucraini e i Paesi baltici, «Roma sta utilizzando la presidenza europea per portare avanti i propri interessi piuttosto che l'imperativo della sicurezza collettiva».

Correlati

Potresti esserti perso