Travaglio 120824141119
MAMBO 20 Luglio Lug 2014 1532 20 luglio 2014

Berlusconi assolto, la sinistra si liberi del giustizialismo

Abbandoni la destra che c'è in lei. E che non è Renzi.

  • ...

Marco Travaglio.

Alcuni o molti commenti giornalistici sull'assoluzione di Berlusconi rivelano la débâcle culturale di un'area ampia della sinistra. Due questioni emergono.
La prima è l'insopportabilità della mancata sanzione penale del nemico. Se è nostro nemico è un malandrino, visto che noi siamo il bene. L'altra questione è una buffa idea delle istituzioni. Dovremmo essere portati a pensare che la magistratura sia autonoma nel senso che giudica il reato vero e trova le prove per un'eventuale condanna. Siamo già una sinistra di cadaveri se pensiamo, invece, che il magistrato deve fare quel che la politica non sa fare.
SENTENZA LETTA POLITICAMENTE. Il processo Ruby è stato con tutta evidenza condotto con animus pugnandi contro Berlusconi ma con poca scienza. Oggi leggiamo parole di sconforto, il sospetto che Berlusconi sia stato assolto per tutelare il quadro politico e ogni altra malignità volta a confermare che i tempi volgono al peggio. Berlusconi assolto e Renzi che prova a fare il dittatore: questa è la parola d'ordine.
Troppa grazia per chi ha campato sull'odio, sulla recriminazione, considerando traditori della sinistra, su suggerimento di un uomo di destra come Travaglio, chiunque non si accodasse alla reciproca criminalizzazione. Renzi dovrebbe proprio cambiare verso. Abbia coraggio e affronti il nodo di una magistratura inefficiente, popolata da gente mediocre, soffocata dalla faziosità che impedisce alla parte migliore di se di vivere.

La sinistra primordiale si è affidata ai pm e ai loro trombettieri

Il leader di Forza Italia ed ex premier Silvio Berlusconi.

Non so se questa stagione è finita. Personalmente penso tutto il peggio di Berlusconi, ma sono fiero che sia nell'angolo perché un leader della sinistra, non un pubblico ministero, ce l'ha messo.
Dobbiamo iniziare a parlare di nuovo di sinistra sapendo che di questa c'è bisogno se si libera della destra che c'è in lei. La destra che c'è in lei non è Matteo Renzi. La destra è quel coagulo mortale di conservatorismi e di giustizialismo che ha demolito la cultura della sinistra. Andate con Grillo e Travaglio, applausi a scena aperta per voi ma non dite che siete di sinistra.
RECUPERARE CULTURA DELLO STATO. Lamentatevi per la sentenza Ruby ma non dite che l'assoluzione mette in discussione la democrazia. C'è una fase da pianeta delle scimmie che la sinistra deve superare ed è questo ritorno alla sua età primordiale. La sinistra si è evoluta, in Italia ha avuto Gramsci citato a sproposito dai seguaci dell'editore Fago che dovrebbe salvare l'Unità uccidendola definitivamente. Ha avuto una cultura dello Stato e delle garanzie, purtroppo nel momento di crisi del sistema per viltà, per ambizione, per superficialità si è affidata ai pm e ai loro trombettieri.
QUEL GIUSTIZIALISMO DI DESTRA. Questa non è sinistra, non si offendano gli amici di destra se glieli restituiamo. Ne facciano quel che vogliono ma, come si sa, il vuoto è a perdere e non vogliamo neanche quello. Sinistra ribellati all''almirantismo' che è in te, torna democratica e sciogli gli ormeggi della barca in cui sono rifugiati i tuoi giustizialisti. È gente persa, democraticamente persa.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso