Prostituzione Razzi 140401073247
BOUTADE 21 Luglio Lug 2014 1505 21 luglio 2014

Antonio Razzi: «Sono lo schiavo di Berlusconi, sto al guinzaglio»

Il senatore di Fi: «Mi paga quindi faccio tutto quello che mi chiede».

  • ...

Il senatore di Forza Italia, Antonio Razzi.

Sempre più personaggio e sempre meno politico. Ormai sparare boutade sembra essere una delle occupazioni principali del senatore di Forza Italia Antonio Razzi.
L'ennessima uscita sui generis è venuta fuori parlando delle riforme, giunte alla prova del voto a Palazzo Madama.
Ai microfoni de La zanzara, su Radio24, ha dichiarato: «Io voto come dice Berlusconi. Lui dice quello che devo fare e lo faccio. Sono un fan, un suo dipendente, un fanatico. Schiavo? Sì, anche schiavo. È lui il capo, mi paga e sono al suo guinzaglio».
IL SENATO? UNA FENOMENALE CASA CHIUSA. Nell'intervista, Razzi ha parlato anche del Senato: «Minchia, qua ci starebbe proprio una bella casa chiusa, una casa per appuntamenti fenomenale. Ci sarebbe lavoro per tutti. E visto che si chiama Palazzo Madama, anche il nome. Sicuramente darebbe migliaia di posti di lavoro in questo momento molto delicato».
Antonio Razzi, abruzzese emigrato in Svizzera, fu scoperto da Antonio Di Pietro e da lui candidato nell'Italia dei Valori, per cui divenne deputato alle elezioni del 2008 per poi passare, durante la legislatura, nelle fila di Forza Italia, subito dopo aver votato no alla sfiducia al governo presieduto dal Cav. In questi giorni, parlando di Berlusconi, disse: «Sono di sua proprietà».
LA LOTTA CONTRO GLI «UOMINI SESSUALI». Celebri anche i suoi viaggi diplomatici in Corea del Nord, dove ha stretto un'amicizia con il leader dittatore Kim Jong Un, da lui descritto come «un moderato».
Altro tema caro al senatore è il sesso. Ha polemizzato con gli «uomini sessuali» (gli omossessuali, ndr) e caldeggiato a più riprese la legalizzazione della prostituzione, con l'introduzione della figura degli «operatori del sesso».

Correlati

Potresti esserti perso