Borghezio Lega 130603125327
POLEMICA 28 Luglio Lug 2014 1400 28 luglio 2014

Figc, Borghezio: «Tavecchio vittima dell'ipocrisia»

Il poltico: «È un perseguitato dal buonismo radical chic».

  • ...

Il leghista Mario Borghezio.

Sul polverone per le frasi razziste di Carlo Tavecchio, candidato favorito alla presidenza della Figc è intervenuto a difesa del presidente della Lega nazionale dilettanti Mario Borghezio.
Il politico leghista ha affermato che «Tavecchio è vittima delle lobby radical chic. È un perseguitato dal buonismo e dalla ipocrisia dei radical chic, che vogliono crocifiggerlo solo perché ha fatto una battuta politicamente scorretta».
«CASO DI POLIZIA DI PENSIERO». Intervistato da Klaus Davi, conduttore del talk show 'KlausCondicio' Borghezio ha spiegato che «in fondo c'era stato il precedente del giornalista di Rai Tre, che è stato addirittura licenziato e poi hanno dovuto riassumere. E' un caso di polizia del pensiero. Tavecchio ha detto una frase senza pesarci sopra su, un omaggio a un modo di dire che non ha nulla di razzista e discriminatorio».
«SONO FRASI CHE LA GENTE DICE». «Sono frasi che la gente dice, senza essere per questo essere sospettabile di razzismo. Questa canea è la dimostrazione dell'idiozia che ci governa e dello schifoso conformismo che vogliono imporre a tutta la comunicazione», ha detto l'esponente del Carroccio.
L'europarlamentare ha concluso dicendo che «è una grave forma di persecuzione della libertà di pensiero. Povero Tavecchio, salviamolo».

Correlati

Potresti esserti perso