Matteo Renzi 140514133251
AFFONDO 29 Luglio Lug 2014 2031 29 luglio 2014

Riforme, Renzi: «C'è chi ha paura di perdere la poltrona»

Il premier su Facebook: «Si parla con tutti, ma nessun ricatto».

  • ...

Il premier Matteo Renzi.

Al termine di una tumultuosa giornata in Senato, che ha visto tramontare definitivamente la mediazione tra maggioranza e opposizione sul ritiro degli emendamenti, il premier Matteo Renzi non ha nascosto tutto il suo malcontento: «Stiamo facendo le riforme perché la politica e i politici devono cambiare. E le sceneggiate di oggi dimostrano che alcuni senatori perdono tempo per paura di perdere la poltrona».
«MANTENIAMO LA PROMESSA». «Gli italiani ci hanno chiesto di cambiare un sistema politico che non funziona più», ha scritto il presidente del Consiglio sul suo profilo Facebook, «noi manteniamo la promessa, senza paura e senza mollare».
«NON CI FACCIAMO RICATTARE DA NESSUNO». E ancora: «Noi andiamo avanti e alla fine saranno i cittadini, con il referendum, a giudicare chi avrà ragione e chi torto. La nostra determinazione è più forte dei loro giochetti. Andiamo avanti pronti a discutere con tutti, ma non ci faremo mai ricattare da nessuno».
BOSCHI: «ITALIANI CI CHIEDONO DI CAMBIARE». Sulla stessa lunghezza d'onda il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi. «Gli italiani non si meritano le scene che hanno dovuto vedere oggi in Senato e forse neanche quest'Aula», ha tuonato. «Noi ci siamo dichiarati aperti a un confronto, disponibili, ma non possiamo cedere al ricatto dell'ostruzionismo», ha aggiunto. «Con calma, andremo avanti, perché gli italiani ci hanno chiesto di cambiare e noi lo faremo». «Io credo», ha concluso il minsitro, «che non si debba aver paura delle proprie idee. Chi sostiene un modello diverso di Senato è giusto che lo faccia a viso aperto e che non si nasconda dietro il voto segreto. Il Pd e la maggioranza non lo hanno chiesto, siamo disponibili e contenti di votare con voto palese».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso