Barack Obama 140611202712
INVESTIMENTO 5 Agosto Ago 2014 2310 05 agosto 2014

Obama punta sull'Africa: pronti 33 miliardi di dolari

Poco meno della metà provengono da colossi dell'industria Usa.

  • ...

Il presidente americano Barack Obama.

Barack Obama punta sull'Africa, e nel secondo giorno del vertice con i leader africani in corso alla Casa Bianca, annuncia un piano da 33 miliardi di dollari.
Di questi, 14 sono destinati a essere messi sul piatto dalle grandi società americane per investimenti nel settore edile e in quelli dell'energia pulita, dei servizi bancari e delle tecnologie. Altri 12 miliardi, invece, saranno stanziati nell'ambito dell'iniziativa 'Power Africa', che coinvolge tra gli altri partner del settore privato e Banca mondiale. Infine, altri 7 miliardi di dollari saranno destinati per promuovere ulteriormente le esportazioni e gli investimenti Usa.
«IL PAESE DEL FUTURO». Dopo il primo giorno dedicato a democrazia e diritti umani, il summit - su cui aleggia lo spettro dell'emergenza ebola - è entrato nel vivo e si è concentrato sugli impegni presi dal presidente americano un anno fa nel viaggio che lo portò in Senegal, Sudafrica e Tanzania, sostenendo come l'Africa «è il Paese del futuro». «L'Africa affronta enormi sfide. C'e ancora tanta povertà, fame, malattie. Ma una nuova Africa sta crescendo. E gli Usa vogliono essere protagonisti del suo successo», ha detto il presidente nel suo intervento, durante il quale ha anche sottolineato come «per investire in Africa servono pace e sicurezza. È difficile operare investimenti nel mezzo di guerre e conflitti».
COINVOLTA LA COCA COLA. Tra le aziende Usa coinvolte, ha annunciato Obama, la Coca Cola (per l'energia pulita), la General Electric (per le infrastrutture e l'elettricità)e Marriot (per la costruzione di alberghi). Ma altri investimenti sono previsti anche da Blackstone, Chevron, Citigroup, Ford, Lockheed Martin, Morgan Stanley e Wal-Mart. «Questi investimenti rafforzeranno l'impegno economico degli Usa in Africa, alimentando la crescita del continente e dei mercati emergenti per le nostre imprese, creando anche posti di lavoro negli Stati Uniti e in Africa», ha affermato la Casa Bianca.
GUANTO DI SFIDA ALLA CINA. L'amministrazione Usa e i giganti dell'industria sperano così di costruire forti legami economici con una delle regioni più promettenti del pianeta, con un tasso di crescita più elevato rispetto al resto del mondo (previsto a 5,8% nel 2015, secondo le stime del Fondo monetario internazionale) fortemente corteggiata dalla Cina. «Questi accordi rappresentano la prova inconfutabile che gli Usa sono aperti al commercio con l'Africa e che l'ascesa economica del Paese è solo all'inizio», ha affermato Penny Pritzker, segretario al Commercio Usa. «Ogni giorno 250 mila americani vanno al lavoro in aziende che esportano in Africa e questi accordi porteranno una maggiore prosperità su entrambi i lati dell'Atlantico, nei mesi a venire», ha aggiunto Pritzker. In serata, i capi di Stato e di governo presenti al vertice sono stati invitati a cena da Barack Obama e della first lady Michelle con un menu a base di piatti della tradizione americana, ma con un 'tocco' africano.

Correlati

Potresti esserti perso