Mogherinipesc 140830190640
ESTERI 2 Settembre Set 2014 1106 02 settembre 2014

Mogherini: «Presto altre sanzioni per Mosca»

Il ministro: «Se non c'è più partnership è colpa di Mosca».

  • ...

Federica Mogherini.

L'alto rappresentante per la Politica estera dell'Ue, Federica Mogherini, ha commentato davanti alla Commissione Affari Esteri la tensione che si è venuta a creare tra i Paesi del Vecchio Continente e una Russia pronta a inasprire la sua dottrina militare. «Le parole del presidente tedesco Joachim Gauch sul fatto che la Russia ha messo fine di fatto alla partnership strategica», ha detto, «sono l'instantanea del momento e fotografano perfettamente la situazione dei rapporti tra Russia e Ue. Se non esiste più un partenariato strategico», ha continuato, «è per scelta di Mosca».
APERTURA PER IL FUTURO. A sostegno della tesi, ha dichiarato che «il Coreper (il comitato degli ambasciatori rappresentanti dei 28) si è già riunito l'1 settembre e venerdì 6 deciderà le nuove sanzioni nel settore finanziario, armi e tecnologie e per allungare la lista di persone e entità colpite».
«In futuro», ha aggiunto, «è chiaro che sarebbe nel nostro interesse cercare le condizioni per ricreare il partneariato».
«UE IMPORTANTE NEI BALCANI». Mogherini ha poi sottolineato l'importanza dell'Europa nello scacchiere internazionale. «L'Italia è storicamente a favore dell'ampliamento della Ue, che rappresenta una delle poche garanzie per dare stabilità ai paesi vicini, in particolare nei Balcani occidentali».
Infine una battuta sulla difficile situazione in Iraq, dove l'Is ha iniziato a subire le prime sconfitte. «Cerchiamo di evitare la narrativa dello scontro di civiltà e di religione perché», ha sottolineato, «fa comodo all'Isis, ma non a noi».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso