Andrea Orlando 140619172213
ISTITUZIONI 3 Settembre Set 2014 2200 03 settembre 2014

Giustizia, Orlando incassa l'ok dall'Ue

Il commissario europeo Reicherts: «Frutto di buon senso e coraggio».

  • ...

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Il Guardasigilli Andrea Orlando ha incassato l'appoggio dell'Ue alla riforma della giustizia civile, al termine dell'incontro con il commissario Martine Reicherts.
«Si tratta di una riforma frutto del buon senso e molto coraggiosa, in grado di far avanzare l'Italia sulla via della crescita e della semplificazione», ha detto il commissario.
ORLANDO SODDISFATTO. «La posizione della Commissione sulla riforma», ha aggiunto da parte sua il Guardasigilli Orlando, «è molto importante per noi. Il fatto che l'Unione europea riconosca la fondatezza e la bontà dei nostri sforzi è un elemento molto positivo. Come è noto la riforma della giustizia rappresenta una grande opportunità di aumentare la capacità di attrarre investimenti, pertanto rappresenta parte integrante delle riforme strutturali che hanno per obiettivo la crescita».
A Reicherts, che il 4 settembre è attesa a Roma, Orlando ha ribadito anche le linee guida della politica sulla giustizia al livello europeo che il governo italiano intende seguire durante il semestre di presidenza.
MAGGIORE COLLABORAZIONE IN UE. «Volevo ringraziare il ministro per il suo impegno sui due temi cruciali come la Procura europea e la protezione dei dati», ha aggiunto Reicherts.
«Nell'incontro di oggi», ha replicato Orlando, «abbiamo condiviso il fatto che questi due importanti dossier rappresentano priorità fondamentali se si vuole creare in Europa uno spazio di giustizia e di integrazione. Del resto, senza un successo su questi due fronti, sarà difficile andare avanti su importanti programmi come Eurojust».
Infine, salutando il ministro di ritorno a Roma, la commissaria ha ribadito come tutta la politica europea sul fronte della giustizia vada ormai considerata come uno strumento importantissimo ai fini della crescita nell'Unione.

Correlati

Potresti esserti perso