Vladimir Putin e Silvio Berlusconi.
CRISI UCRAINA 7 Settembre Set 2014 1838 07 settembre 2014

Il Cavaliere sta con Putin: «Sbagliate le sanzioni alla Russia»

Per Silvio sbagliati i nuovi avamposti Nato e le sanzioni a Mosca.

  • ...

Vladimir Putin e Silvio Berlusconi.

Mai dimenticarsi degli amici. Specialmente quando affrontano momenti difficili. Come quello che vive Vladimir Putin, che ha contro quasi tutto il consesso internazionale per l'eccesso di zelo nelle questioni dell'Ucraina dell'est. Nelle ore in cui la tregua tra governo ucraino e filorussi delle autoproclamate repubbliche di Donestk e Lugansk appare fragilissima, a sostegno del presidente russo interviene il sodale Silvio Berlusconi.
«MANCANZA DI LEADERSHIP». In un collegamento telefonico con il raduno del giovani di Forza Italia, a Giovinazzo, vicino Bari, domenica mattina, l'ex presidente del consiglio ha definito le misure contro la Federazione Russa il frutto di «una malaugurata carenza di leadership internazionale».
«LEGITTIMO INTERVENTO RUSSO». L'atteggiamento nei confronti di Mosca viene definito «ridicolmente e irresponsabilmente sanzionatorio di chi non può non difendere i cittadini ucraini di origine russa che considera come fratelli».
«CANCELLATI ANNI DI PROGRESSI». Berlusconi ha espresso «l’angoscia per la profonda crisi dell’economia», ma «ancor più per la situazione internazionale». E, all’indomani dell’annuncio dell’Alleanza Atlantica di rafforzare la presenza nell’Europa dell’Est, ritiene che la Nato e i vertici americani ed europei stanno «incredibilmente e irresponsabilmente cancellando i risultati conseguiti con il trattato di Pratica di Mare», che aveva «messo fine a mezzo secolo di guerra fredda».
LEGA DALLA PARTE DEL CAV. Sul tema il Cavaliere ritrova l'antica sintonia con la Lega Nord. Il leader del Carroccio, Matteo Salvini, ha affermato che «sanzioni economiche e minacce militari non migliorano la situazione» e ritiene «demenziale che la Nato, con tutto quello che sta succedendo in Medio Oriente, vada a rompere le scatole al confine con la Russia».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso