Grillo 140705181151
SCELTE 16 Settembre Set 2014 1606 16 settembre 2014

Consulta, Grillo: «Non voteremo Violante»

Il leader M5s: «Il Pd ci ha chiesto di farlo per appoggiare il nostro candidato».

  • ...

Beppe Grillo.

Che non sarebbe stato semplice convincere il Movimento 5 stelle a votare i candidati scelti per la consulta da Partito democratico e Forza Italia si sapeva. Il 16 settembre è arrivata la conferma attraverso il blog di Beppe Grillo.
«RICATTO». «In questo momento in parlamento è in corso un ricatto», ha scritto l'ex comico, «ci hanno proposto uno scambio di voti: se non voteremo Luciano Violante alla Corte costituzionale, non appoggeranno il candidato del MoVimento 5 stelle. Denunciamo questo ricatto e la visione da vecchia politica. Noi non voteremo mai Violante. Ricordiamoci chi è questo individuo, padre fondatore della seconda repubblica e lord protettore degli interessi di Berlusconi».
«DA NOI UNA LISTA DI NOMI INDIPENDENTI». Grillo ha proseguito: «Il M5s voterà una lista di nomi indipendenti dalla politica e soprattutto competenti, forti di curriculum professionali impeccabili. Questa è la nostra scelta e questo è quanto ci chiedono i cittadini, interpellati dal M5s a suo tempo, a differenza dei partiti che intrallazzano ad urne aperte come se lo Stato fosse roba loro, un suk governato dall'alto del Colle».

Correlati

Potresti esserti perso