Alex Salmond Primo 140915121630
ESTERI 16 Settembre Set 2014 1600 16 settembre 2014

Scozia: Moira Salmond, first lady silenziosa

Se passa il referendum, la moglie del premier dovrà prendersi la ribalta.

  • ...

da Londra

Alex Salmond, premier scozzese, e la moglie Moira. © Getty


Si nasconde dalle luci della ribalta, eppure è conosciuta per essere la prima sostenitrice, e prima suggeritrice, del primo ministro scozzese Alex Salmond.
Della first lady Moira Salmond, o «futura regina di Scozia» come è stata definita dal quotidiano Independent, non si sa granché. Ha 17 anni in più del marito (lei 77 e lui 60) e, quando si sono conosciuti (lei 43enne e lui 26enne), era nientemeno che il suo capo al lavoro.
A tre giorni dallo storico referendum sull’indipendenza della Scozia, di cui Alex è il promotore principale, la stampa inglese ha tracciato il profilo della moglie Moira, a cavallo tra la critica e l’ammirazione.
Nata nel 1937 in Scozia, ha conosciuto Salmond quando entrambi lavoravano per il dipartimento dell’agricoltura e della pesca. E lei era il suo superiore. Al tempo Alex ancora viveva coi genitori: solo l’incontro con Moira e il successivo matrimonio nel 1981 lo hanno portato fuori casa.
ULTIMA INTERVISTA NEL 1990. Non appena infilato l’anello al dito, Moira ha deciso di appendere la giacca al chiodo, licenziarsi e iniziare una riparata vita da cortigiana tra le mura domestiche. Nessuno sa se la decisione sia stata presa in accordo, o se uno dei due sposi abbia spinto perché, mentre Salmond iniziava la propria ascesa politica, la moglie assumesse il compito di tenere vivo il focolare. Fatto sta che le sporadiche apparizioni pubbliche dei primi anni di nozze si sono sempre più diradate e l’ultima intervista alla stampa Moira l’ha rilasciata nel 1990. Meno male, suggerisce malignamente l’Independent, «perché le poche dichiarazioni raccolte dalla bocca della first lady non brillavano certo per acume».

David Cameron con la madre Mary e Alex Salmond con la moglie Moira. © Getty  

Alex Salmond: «Tengo a proteggerla dai riflettori». Ma se vince il sì...

Forse consapevole che la natura semplice di Moira non si adatti alle luci della ribalta, Alex Salmond ha preferito tenere la moglie il più possibile lontano dalla stampa: «Tengo a proteggere Moira dai riflettori», ha dichiarato in passato.
E anche grazie alla poco invadente stampa scozzese, ci è riuscito: «Quella inglese non si sarebbe comportata altrettanto bene».
Adesso però, soprattutto in caso di una vittoria del yes al referendum, e quindi di una Scozia indipendente, risulterà sempre più difficile nascondere la 77enne Moira. Una first lady con tutti i crismi, ovvero moglie del primo ministro di uno Stato indipendente, ha dei doveri formali e numerosi eventi a cui attendere: Alex Salmond non potrà essere lasciato da solo in rappresentanza del Paese.
UNA INTEGRALISTA DELLA FAMIGLIA. Sarebbe interessante riuscire a sentire anche l’opinione a riguardo della diretta interessata, la quale sembra accontentarsi delle tante voci che circolano sul suo conto e che la descrivono come sostegno primario del marito, vera integralista scozzese della famiglia e forse ispiratrice stessa del tanto discusso referendum.
«Mia moglie è piena di grazia e stile», ha commentato il marito, aggiungendo che non potrebbe mai svolgere il proprio lavoro senza averla accanto, o meglio, a casa ad aspettarlo con la cena pronta. Un pregio gli inglesi a Moira lo riconoscono, dopotutto, e non è tra i meno ammirati in Inghilterra: la delicata arte della discrezione.

Correlati

Potresti esserti perso