Magistratura 140917120351
RIFORME 17 Settembre Set 2014 1200 17 settembre 2014

Responsabilità civile dei magistrati: il governo Renzi pone la fiducia

L'Aula del Senato dà l'ok e respinge l'emendamento della Lega.

  • ...

Sulla responsabilità civile delle toghe, il governo Renzi ha deciso di porre la fiducia.

Il ministro per i Rapporti con il parlamento, Maria Elena Boschi, ha posto la fiducia al Senato sul no alla responsabilità civile dei magistrati.
E dall'Aula è arrivato l'ok. L'Assemblea ha infatti bocciato con 159 no, 70 voti favorevoli e 51 astenuti, l'emendamento inserito dalla Lega al ddl, approvando così la reiezione proposta dal governo. Il Senato ha poi approvato con 214 voti a favore, uno contrario e 27 astenuti la legge comunitaria 2013 bis. Il testo torna alla Camera perché è stata stralciata, con un voto di fiducia, la norma sulla responsabilità civile dei magistrati.
Intanto non si placano le polemiche tra le toghe e l'esecutivo.
VIETTI: NO SEMPLIFICAZIONI. «Sono contro le semplificazioni», ha fatto sapere il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Michele Vietti replicando a chi gli ha chiesto se Matteo Renzi, nella presentazione del programma Millegiorni, abbia attaccato la magistratura. E a proposito delle osservazioni fatte dal premier sugli avvisi di garanzia Vietti ha definito «inevitabile il corto circuito mediatico-giudiziario» se non si cambiano le regole.
FERIE? SPESE TROPPE PAROLE. Sulla questione delle ferie dei magistrati «si sono spese fin troppe parole»: «Se il confronto ci deve essere», ha continuato il vicepresidente del Csm, «deve riguardare il merito delle proposte e non la questione delle ferie».
Nonostante sulla riforma della giustizia per Vietti ci sia «una certa diversità di vedute all'interno della maggioranza», il numero due del Csm ha precisato che il «ministro sta facendo uno sforzo apprezzabile per conciliare cambiamento e condivisione».

Correlati

Potresti esserti perso