Silvio Berlusconi 140927140619
POLITICA 27 Settembre Set 2014 1405 27 settembre 2014

Forza Italia, Berlusconi: «Dopo 20 anni serve rinnovarsi»

Il Cav è intervenuto telefonicamente al meeting del Ppe a Perugia. E dice: «Noi alternativi al governo Renzi».

  • ...

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

A Forza Italia serve «rivitalizzarsi», ma non ci sono scontri dentro al partito.
A fare il punto è stato lo stesso Silvio Berlusconi che, intervenendo telefonicamente al meeting del Partito popolare europeo a Perugia, ha smentito «screzi, contrasti, divisioni» all'interno di Fi e ha precisato come la sua formazione si stia «preparando a tornare protagonista di questo Paese». «Mi pare che siano altri i partiti a essere divisi dalle lotte intestine», ha continuato l'ex Cavaliere.
FALSITÀ SU FI. Che poi, ha precisato, come anche per Fi sia arrivato il tempo di «rivitalizzarsi e rinnovarsi». Anche se questo, è stata la tesi dell'ex premier «non significa buttare alle ortiche chi è già in campo»: «Non è questa la nostra intenzione, è una sciocchezza e una falsità», ha spiegato Berlusconi.
«Se qualcuno sente la necessità venga da me e parliamo», ha detto il leader forzista. Che poi ha aggiunto: «Dispiace che il Paese possa approfittare di nostre dichiarazioni che danno di Fi un'immagine diversa dalla realtà». Per questo l'obiettivo è «dare all'esterno una foto corretta» di quanto avviene dentro al partito.

PARTITO MONARCHICO. Per evitare fraintendimenti, allora, Berlusconi ha spiegato, ridendo, che la sua formazione è «monarchica» per la «figura del leader», ma è «anarchico per tutto il resto»: «Non non ho mai scelto un candidato al di sotto del parlamento», ha precisato il Cav.
«Non vogliamo più politici di professione», ha aggiunto, «non guardano al bene del Paese ma alla sedia: è successo anche da noi, guardiamo ad Alfano e Lupi».

Berlusconi: «Mi hanno fatto fuori con l'uso politico della giustizia»

Berlusconi è stato premier per quattro volte.

Quindi il Cav, che ha ricordato come lui sia stato fuori «dalla politica con l'uso politico della giustizia», ha detto che non serve «avere timore dei nuovi amici» che vogliono unirsi a Fi: «Dobbiamo augurarci che tanti altri vengano e dobbiamo tenere le porte stra-aperte». Perché, è l'invito del leader forzista, il partito ha «bisogno dei moderati che sono la maggioranza del Paese e che non hanno votato».
ALTERNATIVI A RENZI. A chi ha accusato Fi di aver «abdicato» al ruolo di opposizione nei confronti del governo di Matteo Renzi, Berlusconi ha replicato che la sua formazione è «convintamente alternativa» all'esecutivo. «Siamo all'opposizione dalla politica economica alla politica estera», ha chiarito l'ex Cavaliere nel suo intervento telefonico.
CONTRO L'ART. 18. Tuttavia, qualche punto di contatto con Renzi esiste. Per esempio la riforma del lavoro e l'abolizione dell'articolo 18. «Se la sinistra sta facendo il contrario di quanto fatto in passato come possiamo dire di no a quelle riforme che noi volevamo?», s'è chiesto Berlusconi che ha aggiunto: «Saremmo persone scorrette».
«Noi inizialmente diciamo sì, ci guardiamo dentro e se poi le riforme non sono fatte nel modo giusto diremo no», è la strategia scelta dal leader di Fi.
DENTISTI PER ANZIANI. Parlando con i suoi sostenitori in ristorante di Arcore per la nascita di un nuovo club 'Forza Silvio', invece, Berlusconi ha svelato che nel programma di Fi c'è «lo Stato che provvede agli impianti dentali degli anziani»: «Ben 60 mila dentisti sono pronti a farne parte, questo rientra nei nostri 12 punti a favore degli anziani che nessuno conosce».
«Abbiamo iniziato a diffondere questo programma», ha aggiunto, «con i club Forza Silvio che però adesso entreranno a far parte di Fi».

Correlati

Potresti esserti perso