Camusso Lavoro 140913200352
BATTAGLIA 29 Settembre Set 2014 2126 29 settembre 2014

Articolo 18, Cgil e Uil: «Renzi troppo vago»

I sindacati sempre più pronti a dar battaglia: «Premier contraddittorio, ancora troppo poco».

  • ...

Susanna Camusso.

L'apertura al confronto da parte di Matteo Renzi non sembra aver particolarmente soddisfatto i sindacati, per nulla intenzionati a sotterrare l'ascia di guerra nello scontro sulla riforma del lavoro. Per la Cgil, l'intervento alla direzione del Partito democratico di Matteo Renzi contiene «toni diversi dal passato», sui temi della riforma del mercato del lavoro e sulla revisione dello Statuto dei lavoratori, ma «resta ancora vago, indefinito e contraddittorio, a partire dalle affermazioni sull'articolo 18».
«PROPOSTA POCO CHIARA». «Non è ancora chiara» - prosegue il sindacato - «la proposta avanzata. Anche l'enunciazione dell'obiettivo, da tutti condiviso, dell'eliminazione del precariato e del superamento del mercato del lavoro duale, non si traduce in proposte vere di riduzione delle forme contrattuali. Sebbene sia certamente apprezzabile l'ulteriore estensione a tutte le donne che lavorano del diritto alla maternità e l'impegno a una legge sulle dimissioni in bianco, l'allargamento dei diritti a tutti i lavoratori richiede di considerare anche le altre tutele. Così come sugli ammortizzatori le risorse indicate non fanno intravedere, purtroppo, un'effettiva universalità».
UIL: «PRONTI ALLO SCIOPERO». Ancor più netta la Uil, secondo cui «se i provvedimenti del governo in materia di lavoro dovessero toccare protezioni e tutele per quei lavoratori che già ce l'hanno e non prevedere tutele crescenti per coloro che non ce l'hanno, proclameremo uno sciopero generale». La protesta, ha spiegato la Uil, sarà definita «con modalità e tempistiche che saranno decise, tenuto conto delle scelte governative». «Nei prossimi giorni» -«si legge ancora nel comunicato si avvieranno assemblee in tutti i luoghi di lavoro e attivi di delegati per illustrare la posizione dell'organizzazione, definita in un documento che sarà diffuso a tutte le strutture nelle prossime ore».

Correlati

Potresti esserti perso