Giuliano Poletti 141004114153
LAVORO 5 Ottobre Ott 2014 1432 05 ottobre 2014

Jobs act, Poletti: «Approvazione rapida e certa»

Il ministro: «Una sfida l'incontro con i sindacati». Sul testo si cerca una mediazione.

  • ...

Giuliano Poletti, ministro del Lavoro.

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti vuole fare presto. «Ci sono i regolamenti parlamentari che non possiamo violare», ha detto alla stampa a proposito del Jobs act in discussione al Senato, «ma mercoledì al vertice del lavoro europeo deve essere chiara la volontà del governo di voler fare le cose. Abbiamo la necessità di un'approvazione rapida e certa».
ALLA RICERCA DI UNA MEDIAZIONE. «Domani (lunedì 6 ottobre, ndr) troveremo il punto d'incontro», ha detto ancora il ministro, annunciando la ricerca di una mediazione sul testo della legge delega, destinata ad approdare in aula a Palazzo Madama martedì 7 ottobre. L'obiettivo è ottenere «un testo che tenga conto delle diverse posizioni».
INNOVAZIONI SULLA CONTRATTAZIONE. Per quanto riguarda invece l'incontro con i sindacati, previsto sempre per il 7 ottobre, Poletti lo ha definito una «una sfida reciproca. Con i sindacati parleremo di innovazione e di cambiamento del mondo del lavoro, anche sul versante della contrattazione, perché contrattazione e rappresentanza sono due argomenti che si tengono insieme».
«CASI DI REINTEGRO» PER LICENZIAMENTI DISCIPLINARI. Accanto al reintegro per i licenziamenti discriminatori, «mai stati in discussione», il ministro del Lavoro ha rivelato che specifici «casi di reintegro» del posto di lavoro «per i licenziamenti disciplinari» saranno previsti e poi «risolti nel testo del decreto» delegato.

Correlati

Potresti esserti perso