Alfano 140905131648
LAVORO 7 Ottobre Ott 2014 1100 07 ottobre 2014

Jobs Act, Alfano: «Abbiamo spinto sul voto di fiducia»

Il ministro: «La riforma dà l'imprinting riformista. O il governo va avanti o casca».

  • ...

Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano.

O la va, o la spacca. Per Angelino Alfano il Jobs Act è un atto che «dà l'imprinting riformista, anche di un certo riformismo spinto al governo, e quindi è uno di quei temi per cui il governo o va avanti perché ottiene la fiducia o casca perché non la ottiene».
«Io ho fortemente spinto affinché venga autorizzata» la fiducia, «adesso vedremo se sarà indispensabile, ma io la userei», ha detto Alfano intervenendo a Rtl 105.5 mentre a Palazzo Chigi era in corso il vertice tra Renzi e i sindacati. «È bene», ha proseguito, «che ciascuno sia chiamato di fronte alla propria responsabilità nei confronti del Paese a dire sì o no ad un provvedimento che inevitabilmente nella storia di questo governo ne marcherà l'identità. Non si può pensare di sostenere un governo o una maggioranza staccandosi da questo provvedimento, perché è il tipico provvedimento che giustifica la fiducia».
«PRECISAZIONI SUI LICENZIAMENTI DISCIPLINARI». Se non si precisa quali siano «i casi in cui un licenziamento si possa considerare disciplinare» viene meno «grande parte del significato della eliminazione dell'art. 18» perché se si lascia così «il giudice potrà fare quello che vuole», ha poi commentato Alfano entrando nel merito della riforma. «L'art. 18 va tolto tranne nelle fattispecie identificate».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso