Alfano 140905131648
IMMIGRAZIONE 9 Ottobre Ott 2014 1819 09 ottobre 2014

Ue, Alfano: «Con Triton si pone fine a Mare nostrum»

Il ministro da Bruxelles degli Interni: «No a due linee di difesa delle frontiere».

  • ...

Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano.

Il ministro degli Interni Angelino Alfano, nel corso della conferenza stampa finale del consiglio Ue, ha affermato che «con l'operazione Triton si pone fine a Mare nostrum». «Triton sarà al posto di Mare nostrum», ha chiarito, «non avremo due linee di difesa delle nostre frontiere».
«RAPIDA SOSTITUZIONE». «Mentre viene avviata l'operazione Triton», ha continuato Alfano, «sarà garantito il pieno coordinamento con le misure di emergenza adottate dall'Italia in vista di una loro rapida eliminazione. L'operazione congiunta coordinata da Frontex deve essere pienamente conforme al mandato dell'agenzia, mira a confermare l'impegno dell'Unione europea a sorvegliare le frontiere esterne comuni». Queste le conclusioni del consiglio Affari interni Ue, che il ministro Alfano ha letto al briefing per sottolineare come Triton sostituirà Mare Nostrum.
IL CHIARIMENTO DI BRUXELLES. Il leader del Nuovo Centro Destra aveva più volte ribadito la necessità di cancellare il Mare nostrum, sebbene da Bruxelles avessero precisato, in precedenza, che l'operazione Triton fosse destinato solo ad aggiungersi, e non a sostituire, le politiche di «sorveglianza dei confini» intraprese a livello nazionale come Mare nostrum e gli obblighi spettanti ai Paesi membri in materia di sorveglianza dei confini. In altre parole, sarebbe spettato all'Italia decidere se rivedere o meno Mare nostrum, fermo restando i suoi obblighi in quanto Stato membro.
TRITON AL VIA IL 1° NOVEMBRE. L'operazione Triton è stata annunciata per la prima volta il 27 agosto 2014, all'inizio indicata genericamente come 'Frontex plus', con cui l'Unione Europea si era posta l'obiettivo di scendere in campo, a partire da novembre, in aiuto dell'operazione Mare nostrum, istituita per affrontare l'emergenza sbarchi all'indomani della strage di Lampedusa. Il tutto è sotto la coordinazione di Frontex, agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne. L'inizio è previsto per il 1° novembre, con un budget mensile stimato pari a 2,9 milioni di euro per tutto il 2014, somma che aumenterà nel 2015.
PATTUGLIA E ASSISTENZA NEL MEDITERRANEO. In linea con il ruolo dell'agenzia Frontex, l'operazione Triton è destinata a occuparsi di pattugliare le frontiere europee sul Mediterraneo, fornendo anche assistenza alle imbarcazioni in difficoltà. Il raggio di competenza di Triton è maggiore di Mare nostrum, spingendosi oltre le acque territoriali italiani per 18 miglia (il limite delle acque nazionali è di 12). Secondo quanto annunciato, il rafforzamento delle risorse per Triton dipende dalla disponibilità e dalla partecipazione degli Stati membri Ue: hanno confermato il sostegno all'operazione Francia, Germania e Spagna, ma non tutti i Paesi sembrano riconoscere apertamente le acque del Mediterraneo come «frontiera europea».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso