Morales Bolivia 141013072830
SUDAMERICA 13 Ottobre Ott 2014 0725 13 ottobre 2014

Elezioni in Bolivia, Morales rieletto presidente

Al socialista il 60% delle preferenze. Secondo il conservatore Medina. Trionfo dedicato a Castro e Chavez.

  • ...

Al centro Evo Morales, a sinistra il suo vice Alvaro Garcia Linera, a destra il ministro degli Esteri David Choquehuanca.

Evo Morales ha trionfato alle presidenziali in Bolivia di domenica 12 ottobre.
Il presidente socialista, in carica dal 2006, ha avuto circa il 60% dei voti espressi dai 6 milioni di elettori del suo Paese. Alle sue spalle, il leader di Unidad Democrata, il conservatore Samuel Doria Medina, con il 24,5% dei voti.
Già dopo i primi exit poll, Morales è giunto nel Palazzo Quemado, sede del governo, nella centrale piazza Murillo al centro di La Paz, dove è stato accolto da un gruppo di sostenitori. Altri simpatizzanti hanno iniziato a festeggiare a Cochabamba, Oruro e Potosì.
L'ONU CONFERMA LA VITTORIA. Il presidente s'è imposto in otto dei nove dipartimenti del Paese e ora può governare fino al 2018.
A confermare la regolarità del voto è stata tra l'altro una missione di osservatori dell'Unasur, Unione delle nazioni sudamericane, nonostante le critiche rivolte dall'opposizione.
Subito dopo l'ufficializzazione del risultato, Morales ha voluto dedicare il suo trionfo a Fidel Castro e Hugo Chavez.
TRIONFO ANTI-IMPERIALISMO. Dal palazzo presidenziale a La Paz, il presidente boliviano ha «ringraziato questo nuovo trionfo del popolo», sottolineando che il risultato elettorale gli permetterà di continuare a promuovere «l'integrazione non solo tra i boliviani, ma anche tra i latinoamericani».
Secondo Morales, alle presidenziali hanno vinto «la dignità e la sovranità del popolo». Quindi ha dedicato la vittoria all'ex 'lider maximo' cubano Fidel Castro, al presidente venezuelano Chavez, morto nel 2013, e a «tutti i popoli del mondo che lottano contro l'imperialismo».

Correlati

Potresti esserti perso