Delrio 140919184011
POLITICA 14 Ottobre Ott 2014 0819 14 ottobre 2014

Delrio: «Meno tasse con tagli alle spese e lotta all'evasione»

Il sottosegretario: «Le coperture ci sono. Per crescere serve uno choc al Paese».

  • ...

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio.

Per rimettere soldi nelle tasche degli italiani, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, punta sui tagli alle spese e la lotta all'evasione fiscale. «Il Paese ha bisogno di uno choc», ha dichiarato in un'intervista al Corriere della Sera, «di un atto di coraggio per tornare a crescere. Questa legge di Stabilità da 30 miliardi ha un approccio radicalmente nuovo: vogliamo mettere denaro nelle tasche degli italiani in maniera stabile e ora tutti, anche gli imprenditori, sanno che potranno contare su misure strutturali. Mi auguro che ora ognuno faccia la propria parte».
«RISPETTIAMO LE REGOLE». Delrio ha poi assicurato: «Porteremo questa manovra in Europa senza timori. L'Italia è un Paese che rispetta i limiti e le regole, come quella del 3%».
«Quanto alla riduzione del deficit strutturale, ci aspettiamo che venga riconosciuto il nostro sforzo: in questa nostra prima Finanziaria c'è la riduzione delle tasse e quella delle spese, un vero e proprio stimolo alla crescita. Abbiamo molto di più delle riforme», ha precisato.
Parlando delle risorse, sulla spending review «parte dei 16 miliardi verranno dalla lotta all'evasione fiscale», ha spiegato.
In merito al taglio agli incentivi alle imprese e al riordino delle agevolazioni, «è un'operazione complessa che abbiamo deciso di affidare a un successivo lavoro più puntuale».
«BONUS PER IMPRENDITORI». Sul fronte del taglio alle tasse da 18 miliardi, sarà realizzato «mantenendo tutte le promesse fatte agli italiani: confermiamo, rendendoli strutturali, sia il bonus da 10 miliardi in busta paga sia il taglio dell'Irap che anzi andiamo a rafforzare. A questo aggiungiamo un bonus per gli imprenditori che assumono a tempo indeterminato. Inoltre», ha aggiunto, «saranno confermati il bonus energia e quello per le ristrutturazioni».
Infine, per quanto riguarda il Tfr in busta paga, «quest'operazione non è nella Stabilità, abbiamo tempo per approfondire il tema».

Correlati

Potresti esserti perso