Nozze Unioni Civili 141015062930
DIRITTI 15 Ottobre Ott 2014 0625 15 ottobre 2014

Nozze gay, Renzi punta sulle unioni civili della Germania

Il premier s'ispira al modello tedesco: no alle adozioni di bimbi esterni alla coppia.

  • ...

Un attivista per i diritti civili.

I futuri matrimoni gay si chiameranno «unioni civili». è questo il piano del governo di Matteo Renzi per ufficializzare i rapporti tra persone dello stesso sesso.
L'idea è stata presa in prestito dalla Germania, dove fin dal 2001 esiste una legge che permette ai gay di sposarsi, anche se l'unione non si chiama matrimonio e gli omosex non possono adottare bambini esterni alla coppia.
VIA LIBERA DALLA CHIESA. Secondo quanto ha scritto il quotidiano La Repubblica, tutto è ormai pronto e il disegno di legge potrebbe arrivare in Consiglio dei ministri già a fine ottobre.
Renzi, addirittura, l'ha già spiegato ai vertici ecclesiastici a settembre: «Ai vescovi», ha detto il premier, «l'ho detto, si mettano il cuore in pace». E dalla Chiesa non sono arrivate opposizioni al progetto.
CONVINTO ANCHE ALFANO. Il vero ostacolo per il leader del Partito democratico, però, è il Nuovo centrodestra. Anche se, a risolvere la situazione con il partito di Angelino Alfano sarebbe stata la legge di stabilità che rischia la bocciatura dell'Europa (per evitare la tagliola di Bruxelles, però, Renzi ha pronto un piano di ulteriori risparmi).
Nel weekend dell'11 e 12 ottobre, infatti, il governo ha stanziato 500 mila euro da destinare in sgravi fiscali per le famiglie, placando le tensioni con gli alleati di Ncd che a quel punto non hanno avuto più remore sul progetto del premier per le unioni gay.
DUE ANNI DI LAVORO. Per arrivare al disegno di legge, però, è stato necessario un lavoro di circa due anni, come ha spiegato il sottosegretario alle Riforme Ivan Scalfarotto, sponsor del progetto che s'è detto sicuro che «ormai i tempi sono maturi».
Inoltre, pure la Corte costituzionale fin dal 2010 sta chiedendo al parlamento di risolvere il vuoto nell'ordinamento.
«Stiamo modernizzando l'Italia», ha continuato Scalfarotto.
POSSIBILI LE ADOZIONI. In realtà, il nodo più discusso è stato quello dei figli. Alla fine la mediazione ha condotto alla decisione che l'adozione sarà possibile solo se uno dei genitori è quello biologico: in questo caso il partner potrà adottare il figlio naturale dell'altro (esclusa quindi l'adozione per quelli esterni alla coppia).
Per il resto, però, diritti e doveri previsti dalle «unioni civili» saranno quelli dei matrimoni tradizionali: per esempio reversibilità della pensione, diritto alla successione in caso di morte e possibilità di assistenza negli ospedali.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso