Bruxelles Parlamento Europeo 140926203157
BRUXELLES 16 Ottobre Ott 2014 1317 16 ottobre 2014

Europa, il gruppo Efdd si scioglie

La lettone Grigule lascia il gruppo M5s-Ukip. Che si sfalda: mancano i requisiti.

  • ...

da Bruxelles

Sono durati meno di sei mesi. E non sono stati mesi facili, con l'ostruzionismo dei colleghi a causa dell'alleanza ingombrante con Nigel Farage. Ora il M5s non ha più nemmeno un gruppo. Dal 16 ottobre i grillini hanno perso la loro formazione di riferimento all'interno del parlamento Ue. Il gruppo Efdd formato con il partito euroscettico britannico Ukip è saltato.
A determinarne la rottura è stato l'addio dell'europarlamentare lettone Iveta Grigule. In un comunicato l'Efdd ha scritto che Grigule si è dimessa dopo aver detto al segretario generale del gruppo: «Dovevo farlo per essere eletta». Secondo il gruppo il presidente del Ppe Manfred Weber e del parlamento europeo, Martin Schulz avrebbero 'spiegato' a Grigule che per ottenere la presidenza della delegazione parlamentare Ue-Kazakhstan avrebbe dovuto dimettersi dall'Efdd. Un vero e proprio ricatto, sulla cui veridicità non c'è alcun riscontro. Sebbene proprio la mattina in cui Grigule si è dimessa dall'Efdd è stata eletta presidente della delegazione dalla commissione parlamentare Affari esteri.


Per ora nessun commento ufficiale è arrivato dallo staff della deputata. «Preferiamo aspettare», hanno detto i suoi assistenti a Lettera43.it. Ma a confermare la notizia delle dimissioni, che era iniziata a girare in mattinata a Bruxelles, è stato il capo ufficio stampa del parlamento Jaume Duch, che con un tweet ha decretato la morte dell'Efdd.


Senza la lettone infatti l'Efdd non ha più il numero legale. Le regole del parlamento parlano chiaro: occorrono 25 deputati provenienti da sette nazionalità diverse. L'Efdd era formato da 48 deputati, di cui 17 pentastellati e 25 dell'Ukip. Ma le nazionalità erano sette solo grazie alla deputata lettone, che permetteva di raggiungere la soglia necessaria.
Il Movimento 5 stelle non ha ancora commentato la notizia. Solo il portavoce Ignazio Corrao l'ha confermata via Facebook.

Ora i giochi delle alleanze potrebbero riaprirsi. E la possibilità di un accordo coi Verdi, che sin dall'inzio avevano corteggiato i grillini, aumentano. Ma sul tema per ora è silenzio stampa: i pentastellati sono chiusi in un'aula del parlamento insieme con quel che resta del gruppo Efdd per cercare di capire come si può uscire dall'impasse «Ora stiamo lavorando per risolvere la situazione», ha fatto sapere David Borrelli, ormai ex copresidente dell'Efdd.
Intanto l'unica informazione trapelata dalla riunione è che la conferenza stampa indetta proprio dagli eurogrillini il 16 ottobre alle 15 sul referendum consultivo per l'uscita dall'euro è saltata.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso