Marino Roma 140622153810
DIRITTI 17 Ottobre Ott 2014 2239 17 ottobre 2014

Nozze gay, 16 coppie in Campidoglio

Il sindaco Marino sfida la direttiva di Alfano che ha stoppato il riconoscimento.

  • ...

Il sindaco di Roma Ignazio Marino.

Sono 16 le coppie omosessuali il cui matrimonio contratto all'estero viene trascritto il 18 ottobre in Campidoglio dal sindaco Ignazio Marino. Una decisione che sfida le parole del prefetto Giuseppe Pecoraro che, in osservanza della circolare Alfano, ha comunicato che provvederà subito ad annullare l'atto di riconoscimento. Cinque coppie formate da donne e 11 formate da uomini vedranno (anche se formalmente e illegalmente) riconosciuta la loro unione anche nella città in cui vivono. La trascrizione nella Capitale ha sicuramente un alto valore simbolico ma Marino non è il primo sindaco 'ribelle'.
DA MILANO A BOLOGNA. In tanti hanno alzato la voce dopo che il 7 ottobre il ministro dell'Interno ha parlato della circolare ai prefetti perché rivolgano «un invito formale al ritiro e alla cancellazione» delle trascrizioni di nozze gay. Solo per fare qualche esempio, il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha firmato le prime sette trascrizioni, quello di Livorno, Filippo Nogarin ha fatto sapere che non si adeguerà alla direttiva Alfano e il sindaco di Bologna Virginio Merola ha detto chiaramente: «Io non obbedisco». L'associazione Gay Center ha inoltre lanciato una campagna social con l'hashtag #DimettiamoAlfano.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso