Angelo Bagnasco 140829122425
CHIESA 18 Ottobre Ott 2014 1722 18 ottobre 2014

Nozze gay, la Cei: «Arbitraria presunzione, non è accettabile»

I vescovi contro Marino: «Va contro il nostro sistema giuridico. Proprio a Roma».

  • ...

Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana.

Le trascrizioni di nozze gay a Roma da parte del sindaco Ignazio Marino non potevano lasciare indifferente la Conferenza episcopale italiana (Cei): «Una tale arbitraria presunzione, messa in scena proprio a Roma in questi giorni, non è accettabile».
I vescovi si sono detti sorpresi «perché oltre a non essere in linea con il nostro sistema giuridico, queste registrazioni suggeriscono una equivalenza tra il matrimonio e altre forme che a esso vengono impropriamente collegate».
«ATTENZIONE ALLA FAMIGLIA». Una nota dell'Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei ha scritto: «L'augurio è che il rispetto delle persone individuali sia sempre salvaguardato nelle loro legittime attese e nei loro bisogni, senza mai prevaricare il dato della famiglia. La sua originalità non può essere diluita, se ci sta veramente a cuore il "bene comune" che è la differenza, dei generi e delle generazioni. In una parola, se ci preme la famiglia».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso