Berlusconi 141025003758
DIRITTI 24 Ottobre Ott 2014 2333 24 ottobre 2014

Unioni gay, rivolta web contro Berlusconi

Al popolo di Forza Italia la svolta non piace. «Nozze omo e ius soli? Non voto più. Basta con la Pascale».

  • ...

Silvio Berlusconi.

La svolta pro-gay di Silvio Berlusconi non piace proprio a tutti. L'elettorato di Forza Italia guarda perplesso il suo leader dopo la doppia apertura al riconoscimento delle unioni tra omosessuali e il sì al diritto di cittadinanza per le seconde generazioni di immigrati.
Sulla bacheca online 'spazio azzurro' diversi utenti hanno riversato la propria contrarietà.
«È COLPA DI FRANCESCA». E pensare nel 2010 l'ex Cavaliere, in pieno scandalo Ruby, si difendeva così: «Meglio essere appassionati di belle donne che gay».
La fidanzata Francesca Pascale e la cena con Vladimir Luxuria devono avergli - almeno in parte - fatto cambiare idea.
Solo che al 'popolo del centrodestra' l'inversione a U non va a genio. «Adesso con l'avvento della Pascale non avrete più il mio voto»; «per favore presidente la smetta di ascoltare la signora Pascale e pensi ai problemi veri dell'Italia», sono alcuni dei commenti.
«MOSSA CHE CI ADDOLORA». C'è poi chi 'minaccia' di non votare più per Fi, o in altri casi prevede che la percentuale del termometro politico azzurro possa scendere in picchiata.
«Nozze gay? E, ancor peggio, ius soli? Se è questa la Forza Italia del futuro, per quanto mi riguarda saluto per sempre Forza Italia! A mai più rivederci!», ha scritto un militante azzurro, seguito a ruota da molti altri: «Sono deluso della svolta del partito»; «l'apertura ai gay da parte del mio presidente mi addolora».
GASPARRI RESTA CONTRARIO. Una spaccatura popolare che rispecchia quella interna al partito, dove c'è chi lamenta un cedimento del leader azzurro verso politiche di sinistra.
Maurizio Gasparri, per esempio: «La famiglia è una sola. Sul resto bisogna evitare confusioni. Per gli omosessuali il cosiddetto modello tedesco apre inevitabilmente la strada a adozioni e aberrazioni come gli uteri in affitto».
Tra gli indignati della Rete c'è anche chi ipotizza che l'apertura del Cav possa essere una tattica politica per «recuperare voti da qualche parte».

Correlati

Potresti esserti perso