Hillary Clinton
OBIETTIVO 5 Novembre Nov 2014 2047 05 novembre 2014

Midterm Usa 2014, i repubblicani ora puntano alla Casa Bianca

Il senatore Rand Paul e Jeb Bush tra i probabili canddati alle presidenziali del 2016.

  • ...

Hillary Clinton.

Prima il Congresso, poi la Casa Bianca. Stravinte le elezioni di midterm, ora i repubblicani puntano direttamente a tornare al numero 1600 di Pennsylvania avenue: anche se non ancora ufficialmente, la corsa per le presidenziali 2016 è già a tutti gli effetti iniziata. Sotto i migliori auspici per il Gop, mentre per l'ex segretario di Stato Hillary Clinton, che ancora non ha sciolto le riserve sulla sua candidatura, è suonato un preoccupante campanello d'allarme.
«RISULTATI INCORAGGIANTI». I risultati del voto che ha consegnato ai repubblicani il controllo del Senato, oltre a quello della Camera, «sono molto incoraggianti per il 2016», ha prontamente affermato il sondaggista repubblicano Neil Newhouse, che nel 2012 ha lavorato con il candidato presidenziale Mitt Romney. Secondo diversi strateghi democratici, ha scritto il Washington Post, la vittoria repubblicana potrebbe però essere paradossalmente una buona notizia anche per Hillary Clinton, perché le fornisce un avversario concreto contro cui puntare, rendendole meno imperativo distanziarsi dal presidente Obama.
«MESSAGGIO A OBAMA E CLINTON». Tuttavia, resta il fatto che durante la campagna l'ex first lady si è ampiamente spesa in numerosi eventi elettorali democratici, così come ha fatto suo marito, l'ex presidente Bill Clinton, e dei 32 candidati che hanno sostenuto, solo 19 hanno vinto. E il senatore Rand Paul, probabile candidato presidenziale repubblicano, non ha perso tempo a sottolinearlo: «Gli elettori hanno inviato un messaggio al presidente Obama e a Hillary Clinton, respingendo le loro politiche e spesso i loro candidati», ha prontamente twittato, di fatto confermando le sue aspirazioni per il 2016. Nei calcoli presidenziali, Paul è peraltro ora più che mai in buona compagnia nel suo partito, dove tra i 'papabili' per una nomination figurano possibili candidati di peso come Jeb Bush, ex governatore della Florida nonché figlio e fratello dei due presidenti Bush, il governatore del New Jersey, Chris Christie, quello della Louisiana, Bobby Jindal, e il senatore Marco Rubio.
MODERARE L'OTTIMISMO. Diversi strateghi repubblicani hanno esortato però a moderare l'ottimismo per la vittoria alle elezioni di metà mandato. L'elettorato potrebbe essere ben diverso nel 2016, e soprattutto più ampio. I dati dell'affluenza al voto non sono ancora disponibili, ma nelle elezioni di midterm del 2010 andarono alle urne circa 90 milioni di elettori, alle presidenziali del 2012 furono invece 129 milioni: una notevole differenza, di ben 39 milioni di voti.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso