Apec 141110190516
CYBERGUERRA 10 Novembre Nov 2014 1955 10 novembre 2014

Poste Usa attaccate da hacker, sospetti sulla Cina

Le autorità di Pechino negano. Violati i dati di 800 mila dipendenti: indagine dell'Fbi.

 

  • ...

Barack Obama e Xi Jinping.

Il presidente Usa Barack Obama e il presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping tentano di aprire una nuova era nelle relazioni tra Stati Uniti e Cina. Ma la storia di tutti i giorni parla di una cyberguerra senza tregua tra i due Paesi, portata avanti senza esclusione di colpi.
L'ultimo capitolo di questo conflitto, che rischia di accrescere le tensioni tra Washington e Pechino, racconta di hacker cinesi che hanno attaccato le Poste americane, compromettendo i dati di almeno 800 mila dipendenti del Us Postal Service.
OBAMA A PECHINO. La denuncia dell'Fbi, che sta indagando sul caso, è arrivata proprio mentre il presidente americano si trovava a Pechino, dove i due principali leader mondiali cercano di rafforzare il dialogo e ricucire i rapporti dopo mesi di incomprensioni. E la notizia della nuova incursione dei pirati informatici cinesi nel cuore dello stato americano - diffusa dal Washington Post - non aiuta.
ATTACCHI DALLA FINANZA AI MEDIA. Le autorità di Pechino hanno sempre negato di essere dietro agli attacchi, che oramai negli Usa non risparmiano alcun settore: dalla finanza (come i dati rubati a 86 milioni di clienti di JpMorgan) ai media (come gli attacchi al New York Times), passando per i colossi della grande distribuzione (Target e Home Depot). La portata dell'offensiva contro i sistemi informatici del Us Postal Service, scoperta a metà settembre, è stata limitata, secondo quanto riferito dalle autorità americane. Le informazioni compromesse riguarderebbero solo i dipendenti, e non i clienti. Ma resta l'affronto di un altro dei simboli più importanti dello stato federale americano preso di mira. I cybercriminali avrebbero in particolare violato nomi, numeri di telefono, email e i codici fiscali. Non sarebbero stati riscontrati, invece, furti di identità o frodi relative alle carte.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso