Mogherini 141031124441
ESTERI 11 Novembre Nov 2014 1140 11 novembre 2014

Ucraina, Mogherini: «Serve una soluzione politica»

Il ministro degli Esteri Ue: «Le sanzioni sono sul tavolo. Bisogna implementare gli accordi di Minsk».

  • ...

L'ex ministro degli Esteri e nuova lady Pesc, Federica Mogherini.

L'alto rappresentante degli Affari Esteri dell'Ue, Federica Mogherini, ha puntato i riflettori sul peggioramento della situazione in Ucraina, dove la tensione è in aumento.
«Le cose stanno andando nella direzione sbagliata», ha sottolineato, spiegando che «la discussione attuale non riguarda un eventuale inasprimento delle sanzioni, ma il modo di sostenere l'Ucraina. Kiev è in difficoltà sul fronte economico, della sicurezza ed energetico, e l'inverno comporta una sfida».
«Le sanzioni sono sempre sul tavolo, anche si tratta di uno strumento non di un obiettivo in sé», ha aggiunto, «bisogna implementare gli accordi di Minsk».
«Nel prossimo vertice di ministri degli Esteri non si discuterà soltanto sul fatto se inasprire le sanzioni o no, ma su come sostenere l'Ucraina. Aldilà delle sanzioni, c'è bisogno di una strategia politica, per ottenere degli effetti».
«LE SANZIONI HANNO FUNZIONATO». Per il capo della diplomazia europea, «le sanzioni hanno funzionato, perchè l'economia russa è stata colpita. Ma noi dobbiamo offrire anche un binario politico», ha aggiunto, «perché l'obiettivo è ottenere dei risultati, dal momento che non esiste una soluzione militare al conflitto, ma questo può essere risolto soltanto attraverso la pressione».
Ha espresso preoccupazione anche il ministro degli Esteri tedesco, Frak-Walter Steinmeier, che ha commentato: «In Ucraina si vive una nuova escalation della tensione e movimenti sul terreno fanno immaginare che si tornerà a un confronto violento. Spero che non si torni a tre mesi fa quando si combatteva con morti ogni giorno».

Correlati

Potresti esserti perso