Salvini 141108130348
CRONACA 13 Novembre Nov 2014 1100 13 novembre 2014

Caso Salvini, questura Bologna individua gli aggressori

Denunciati in dieci per l'attacco al leader leghista. Rispondono di violenza privata.

  • ...

L'auto di Matteo Salvini danneggiata dopo l'assalto dei militanti dei centri sociali.

Il volto di molti di loro era già pubblico, immortalato dalle telecamere che avevano ripreso alcune fasi dell'aggressione a Matteo Salvini. Ora i responsabili dell'attacco alla Volvo del leader leghista, avvenuto sabato a Bologna durante la visita al campo di nomadi sinti di via Erbosa, hanno anche un nome e un cognome. La Digos bolognese ha denunciato alla procura, pm Antonella Scandellari, dieci persone.
«GESTO INQUALIFICABILE». «Un gesto inqualificabile che non poteva restare senza risposta», ha detto il questore Vincenzo Stingone, che ha ringraziato «gli uomini e le donne della Digos che hanno lavorato da subito e stanno continuando a lavorare con determinazione». Gli stessi investigatori hanno individuato e denunciato altri tre antagonisti, in questo caso di area anarchica, per il pestaggio del giornalista del Resto del Carlino Enrico Barbetti, accerchiato e colpito al termine della manifestazione.
ANTAGONISTI DEL COLLETTIVO HOBO. Per l'aggressione a Salvini gli indagati sono tutti appartenenti al collettivo Hobo e tutti rispondono di violenza privata, per avere sbarrato la strada, saltando anche sul cofano, alla Volvo sulla quale viaggiavano il segretario e altri esponenti della Lega. Hanno fra i 19 e i 28 anni e sono già noti alla Digos di Bologna, dove tutti abitano sebbene molti provengano da altre città (Catanzaro, Genova, La Spezia, Parma, Padova). Tre dei dieci - due bolognesi di 20 e 23 anni e un 22 enne di Parma - sono accusati anche di danneggiamento aggravato e porto di oggetti atti ad offendere, per avere frantumato il parabrezza dell'auto con un casco, una cinghia e un altro oggetto contundente imprecisato.
SALVINI: «GRAZIE ALLA POLIZIA». La questura è ancora in attesa che sia formalizzata dal partito o dal proprietario della Volvo la denuncia per il danneggiamento subito dal veicolo. «Bene, grazie alla polizia», ha commentato Matteo Salvini su Facebook. Per l'aggressione al cronista del Carlino, i denunciati sono invece tre attivisti di area anarchica che gravitano intorno all'Aula C occupata a Scienze Politiche. Hanno 23, 24 e 25 anni e rispondono di violenza privata, ingiurie e minacce. La Digos, che per identificarli in questo caso non ha potuto contare su filmati, sta ancora cercando altri componenti del gruppo, composto da una dozzina di persone.
MEROLA: «SGOMBERARE L'AULA C». Manca ancora all'appello l'unico degli aggressori che ha colpito fisicamente Enrico Barbetti, facendogli lo sgambetto e provocando la caduta che gli ha fratturato il gomito sinistro. La situazione dell'Aula C, di fatto occupata da circa 25 anni, «è seguita con la massima attenzione», aveva detto pochi giorni fa il procuratore aggiunto e portavoce della Procura di Bologna, Valter Giovannini. Mercoledì 12 novembre anche il sindaco, Virginio Merola, ha auspicato un intervento per liberare quello spazio: «Mi auguro che al più presto l'aula C sia restituita agli studenti veri».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso