Renzi_Australia
POLITICA 17 Novembre Nov 2014 1615 17 novembre 2014

Renzi in Australia, tour tra scuole e imprese

Il premier incontra bambini bilingue e aziende italiane. Poi una tappa in Turkmenistan.

  • ...

Matteo Renzi in visita alla Prysmian.

Battute con i più giovani e visite nelle aziende italiane Oltreoceano.
Il premier Matteo Renzi si è trattenuto in Australia dopo il G20 e come di consueto ha dato diversi spunti anche a oltre dieci fusi orari di distanza dall'Italia.
«IN VACANZA QUANDO MI CACCIANO». «Tornerò qui di sicuro, magari a fare una vacanza appena mi buttano fuori...», ha detto ridendo il premier davanti alla scuola bilingue di Meadowbank.
Poi davanti alle aziende tricolori ha dichiarato che «Forse gli italiani non sanno fino in fondo quanto la tecnologia italiana sia vista con rispetto nel mondo: aziende, lavoratori e ricercatori sono all'avanguardia e dobbiamo essere orgogliosi del lavoro che fanno».
«BASTA PIANGERSI ADDOSSO». «Dobbiamo uscire dalla logica di chi si piange addosso. Se la settiamo con i piagnistei il paese potrà essere leader: dobbiamo crederci», è il messaggio di Renzi che ha fatto visita a Sidney.
Il premier prima si è fermato nei cantieri del Progetto 'Kellyville Station', un hub del trasporto urbano di Sydney della Northwestrailink, dove Impregilo-Salini, è i prima linea per la costruzione delle infrastrutture.
Per creare un 'link', ha spiegato il premier, che non «è solo tra due zone della città, ma anche un collegamento tra passato e futuro e tra l'Italia e l'Australia».
TOUR DA PRYSMIAN. Poi il premier ha proseguito il suo tour facendo un sopralluogo ad un impianto della Prismyan, una realtà da 7 miliardi di fatturato, di cui sono il 10% in Italia e 20 mila addetti: «un esempio di un'impresa italiana e multinazionale che porta alta la nostra bandiera».
INCONTRO CON INVESTITORI. E nella giornata del 17 novembre Renzi ha incontrato anche gli investitori australiani, fondi di investimento e pensioni, per convincerli a venire in Italia.
Un incontro a porte chiuse durante il quale il premier, secondo quanto si è appreso, ha illustrato il suo piano di riforme e spiegato, probabilmente, quel «grande lavoro per mettere l'Italia a posto e rilanciarla».
Trovando terreno fertile tra alcuni rappresentanti dei fondi che lo avrebbero definito «dirompente, l'unico che guarda in faccia i problemi del suo Paese»
TAPPA IN TURKMENISTAN. Il premier Matteo Renzi ha lasciato l'Australia per il viaggio di ritorno in Italia che lo vedrà, prima del rientro a Roma, fare tappa in Turkmenistan per la firma di una serie di accordi.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso