John Boehner 141121163608
CASA BIANCA 21 Novembre Nov 2014 1633 21 novembre 2014

Stati Uniti, i repubblicani fanno causa a Obama

Nel mirino Obamacare e la regolarizzazione degli immigrati. Boehner: «È come un monarca».

  • ...

John Boehner, speaker repubblicano alla Camera del parlamento Usa.

Barack Obama nel mirino del Partito repubblicano. Un attacco a tutto campo quello contro il presidente degli Stati Uniti, con la decisione del Grand Old Party di fare causa all'amministrazione democratica su alcuni aspetti della riforma nota come Obamacare, che ha reso le coperture sanitarie universalmente accessibili al di là dell'Atlantico. L'accusa è abuso di potere da parte del presidente.
AZIONE LEGALE MINACCIATA DA TEMPO. L'azione legale, formalmente avviata nei confronti del ministero della Sanità, era stata minacciata da tempo dai leader repubblicani in Congresso. Nel dettaglio, il ricorso presentato dai repubblicani ha accusato l'amministrazione Obama di aver «regalato illegalmente» alle compagnie di assicurazione circa 175 miliardi di dollari. Secondo i dati del Congressional Budget Office, il governo federale è destinato a pagare questa cifra nell'arco dei prossimi dieci anni, nonostante tali risorse non siano state stanziate dal Congresso.
IL NODO DELLE FAMIGLIE A BASSO REDDITO. La questione riguarda il contributo che l'amministrazione paga per conto delle famiglie più disagiate, con un reddito tra 11.670 e 290.175 dollari l'anno. Se il ricorso dei repubblicani dovesse essere accolto, queste famiglie non perderebbero la copertura assicurativa, ma - come sottolineato dal New York Times - le società assicurative inevitabilmente alzarebbero le loro tariffe. La seconda accusa è di aver illegalmente posticipato la clausola secondo cui le grandi imprese, quelle con più di 50 dipendenti, devono offrire una copertura sanitaria ai lavoratori a tempo pieno, pena il pagamento di sanzioni. Questa norma, hanno scritto i repubblicani, è stata prima rinviata dal 2013 al 2015, poi è ulteriormente slittata al 2016 per gli imprenditori che hanno tra 50 e 99 dipendenti.
«OBAMA INCORAGGIA L'ILLEGALITÀ». Ma Obama è stato criticato anche per la sua recente iniziativa di regolarizzazione di 5 milioni di immigrati. John Boehner, speaker alla Camera, in conferenza stampa dopo l'annuncio del provvedimento da parte del presidente, ha detto che «incoraggerà altre persone ad arrivare qui in modo illegale. Il presidente ha rafforzato la sua eredità di non rispetto per la legge e sperperato la poca credibilità che gli era rimasta. Non è così che funziona la democrazia in America».
Il sistema dell'immigrazione, secondo Boehner, «va riformato con un percorso democratico, mentre il presidente Obama agisce come un monarca, un imperatore».
IL PRESIDENTE: «È SOLO IL PRIMO PASSO». Ma Obama ha ribattuto: «Il decreto sull'immigrazione è solo il primo passo. E non sarà il solo. Quello che serve è una riforma complessiva per sistemare l'intero sistema, che deve essere varata dal Congresso».

Correlati

Potresti esserti perso