DISSENSO 25 Novembre Nov 2014 1055 25 novembre 2014

Papa Francesco a Strasburgo, la protesta dei deputati spagnoli

Sei deputati spagnoli di Izquierda unida sono usciti dall'Aula mentre il pontefice parlava: «Basta ingerenze. L'emiciclo non è fatto per i sermoni religiosi».

  • ...

da Bruxelles

Sono gli anti papa boys. Il 25 novembre sei deputati spagnoli della coalizione Izquierda plural sono usciti dall'aula plenaria del parlamento di Strasburgo appena il pontefice è entrato per tenere il suo discorso.
La loro non è un'azione personale «contro Papa Francesco», hanno spiegato a Lettera43.it, «ma un gesto di protesta perché il parlamento di Strasburgo non è un posto per tenere sermoni religiosi, bensì per discutere di politica».
«SERVE DIVISIONE TRA CHIESA E ISTITUZIONI». Gli europarlamentari spagnoli si sono alzati e hanno aspettato che il papa finisse il suo discorso prima di rientrare in aula e continuare i lavori.
«Vogliamo una chiara separazione tra la chiesa cattolica e qualsiasi altra religione e le istituzioni pubbliche», ha detto a Lettera43.it Marina Albiol Guzmàn.
PROTESTA CONTRO LE INGERENZE DELLA CHIESA. «Inoltre abbiamo deciso di protestare anche per le ingerenze che la chiesa cattolica ha dentro lo stato spagnolo sulle questioni pubbliche. Ingerenze nel mondo educativo, quando parliamo dei diritti delle donne e delle Lgbti».
Ma anche un modo per denunciare ancora una volta un'ingiustizia: «La chiesa cattolica in Spagna continua ad avere privilegi, non paga le tasse e riceve milioni di euro dalle imposte pagate dai cittadini».
«ABBIAMO SCRITTO A SCHULZ, NON CI HA RISPOSTO». I sei eurodeputati spagnoli hanno anche scritto al presidente del parlamento Martin Schulz per cercare di bloccare l'arrivo del pontefici: «Ci siamo rivolti a Schulz perché questa visita non avrebbe dovuto aver luogo, doveva impedire un intervento del papa dentro l'emiciclo. Uno spazio», conclude Albiol Guzmàn, «che non è fatto per parlare di fede e questioni religiose, ma per trovare soluzioni per i cittadini europei». Solo che Schulz «non ci ha risposto».

Correlati

Potresti esserti perso